Ha attraversato oltre cinque decenni di musica. Ha abbracciato le tante anime della black music dal Gospel al Jazz, dallo Spiritual al Rhythm & Blues fino al pop più elegante. Aretha Franklin è stata però, per tutti, Queen of Soul, regina e signora del soul, soprannome che riusciva a mettere tutti d’accordo. Ma lei, icona riconosciuta della cultura nera, con una forte personalità, un carattere non sempre facile e soprattutto una voce sublime, è andata oltre le definizioni e gli incasellamenti, rompendo schemi e imponendosi come un vero e proprio fenomeno della natura.

Quella voce ora tacerà per sempre, al suo posto un silenzio sgomento. Aretha è morta, a 76 anni, nella sua casa di Detroit, in Michigan, dopo una lunga battaglia contro un tumore al pancreas, diagnosticato già nel 2010, che non le ha lasciato scampo. Le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi giorni. «In uno dei momenti più bui delle nostre vite, non siamo in grado di trovare le parole appropriate per esprimere il dolore che abbiamo nel nostro cuore. Abbiamo perso la matriarca e il rock», ha fatto sapere la sua famiglia, che ringrazia per l’affetto ricevuto. Nei prossimi giorni verrà resa nota la data dei funerali.

 

 

 

 

 

Fonte: IlMattino

Commenti

commenti