Il più prestigioso teatro d’opera al mondo presenta la mostra “Gioachino Rossini al Teatro alla Scala”, un omaggio all’illustre compositore italiano a 150 anni dalla sua scomparsa

La Scala di Milano celebra Gioachino Rossini, uno dei più grandi compositori di tutti i tempi, autore di opere tra cui “Il barbiere di Siviglia” e “L’Italiana in Algeri”. Lo fa con una grande mostra, realizzatain occasione dei 150 anni dalla sua scomparsa: aperta al pubblico dal 17 aprile al 30 settembre 2018, l’esposizione è curata dal celebre scenografo e regista teatrale Pier Luigi Pizzi.

L’intero Museo contenuto all’interno del Teatro alla Scala diventa per la prima volta percorso espositivo, ospitando più di 100 opere attraverso cui conoscere, celebrare o rivivere la storia e i successi del compositore. Tra i pezzi in mostra spiccano i costumi disegnati da Franco Zeffirelli e Caramba e indossati da cantanti divenute vere e proprie icone, tra cui Maria Callas, Giulietta Simionato e Lucia Valentini Terrani. Abiti storici che vestono manichini sartoriali realizzati per l’occasione con speciali accorgimenti e misure dalla Bonaveri, azienda italiana leader mondiale nei manichini haute de gamme.

Per valorizzare costumi di scena e pezzi unici, l’azienda di Renazzo di Cento (FE) ha creato una serie di manichini e busti su misura che sembrano quasi dare vita ai personaggi rossiniani. Ad accogliere i visitatori della mostra sono infatti i protagonisti delle opere di Rossini, che impeccabili nei loro sontuosi abiti di scena, appaiono più come abitanti del Museo che come “pezzi” in esposizione: li si ritrova a passeggiare con naturalezza tra una sala e l’altra, intenti ad esibirsi al pianoforte o adagiati su un’elegante poltroncina in un salottino ottocentesco.

Accanto a questi, la mostra presenta una ricca selezione di cimeli, manoscritti e ritratti del compositore (alcuni dei quali restaurati per l’occasione), gioielli di scena, contenuti video, insieme a uno scenografico percorso che ricostruisce gli allestimenti scaligeri delle opere di Rossini. Un rapporto speciale unisce infatti il compositore marchigiano al Teatro milanese: dalla prima opera che ha visto la luce alla Scala, “La Pietra del Paragone”, alla recente edizione de “La Gazza Ladra” di Riccardo Chailly, passando per storici spettacoli attraverso tutto il Novecento: un legame unico che trova coronamento in questa grande esposizione.

( photo © Brescia-Amisano / Fondazione Teatro alla Scala )

 

 

Commenti

commenti