Giovanni Veronesi (immagine dal web)

Giovanni Veronesi chiude gli incontri con i grandi registi “Maestri alla Reggia”. Ha scritto le sceneggiature per Nuti, Pieraccioni e Ceccherini, ma il successo è arrivato con “Che ne sarà di noi” e poi con “Manuale d’amore”. Con il regista Giovanni Veronesi si chiude con grande successo il secondo ciclo di “Maestri alla Reggia”, la rassegna sui grandi autori del cinema italiano dell’Università Vanvitelli, un progetto realizzato in collaborazione con Ciak, il magazine diretto da Piera Detassis, che condurrà l’ultimo incontro della stagione, e organizzato da Cineventi, che vede la direzione artistica di Remigio Truocchio.
L’appuntamento è per il 30 maggio, alle ore 18, nella Cappella Palatina della Reggia di Caserta che quest’anno ha già ospitato i registi Carlo Verdone, Margherita Buy , Sergio Castellitto e Gianni Amelio.
“La seconda edizione di Maestri alla Reggia – ha detto il Rettore dell’Università Vanvitelli, Giuseppe Paolisso – ha confermato quello che avevamo visto già lo scorso anno: un grande interesse da parte di nostri studenti, ma anche dei nostri docenti e del territorio. Il cinema riesce ad esercitare ancora un grande fascino anche sui giovani e ad avvicinarli al mondo della cultura, e l’enorme affluenza di pubblico che hanno registrato soprattutto alcuni incontri ce lo ha dimostrato”.
Il ciclo di eventi, quest’anno ha anche visto la collaborazione non solo della Reggia e dell’Associazione Amici della Reggia, ma del Comune di Caserta e della Camera di Commercio.

La partecipazione agli incontri è gratuita e gestita, per gli studenti dell’Università, attraverso l’Ufficio attività studentesche e le associazioni degli studenti; per la città, attraverso la distribuzione di inviti sulla pagina facebook “Maestri alla Reggia”.

 

Commenti

commenti