Gomorra la Serie 3

Gomorra la Serie 3: l’evoluzione verso le emozioni, il racconto dei protagonisti . Gomorra La Serie: Genny, Ciro, Scianel e Patrizia tornano a raccontare “le mafie del mondo”, il  crimine organizzato con una nota di emozioni diversa. La terza stagione di Gomorra rivelerà aspetti che fino ad ora non erano stati approfonditi, ovvero l’aspetto “umano” dei personaggi che, dopo aver subito dei gravissimi lutti, ritrovano quel sentimento che hanno sempre celato dietro la violenza e la spietata determinazione nella lotta per il potere. Sia chiaro, nessuno rinuncerà alla lotta per il potere, si creeranno nuove alleanze, ma la vera novità sarà vedere negli occhi di Ciro, ad esempio, quasi una rassegnazione, la rassegnazione di chi ha perso gli affetti più grandi e che “…combattendo ogni giorno a fianco alla morte, forse si augura quasi di morire…”. Genny e Ciro saranno sempre più legati, scherzando i protagonisti hanno raccontato che il loro rapporto (nella fiction) sembra quasi un rapporto d’amore. I protagonisti di Gomorra si sposteranno dal luogo di origine per insinuarsi nelle pieghe del centro storico di Napoli, reclutando anche “nobili” personaggi, Valerio (Loris De Luna), giovane della Napoli bene che diventa la chiave di accesso per Enzo, per arrivare ove non avrebbe mai immaginato… Si scavalcheranno anche i confini nazionali, arrivando fino alla Bulgaria, dove Ciro, Marco D’Amore recita in lingua bulgara “ho una certa musicalità, una predisposizione naturale per le lingue che, grazie al coach sono riuscito a mettere a frutto recitando in bulgaro. La cosa divertente è stata, non solo imparare il copione ma dover improvvisare in un’altra lingua…”, ha spiegato Marco D’Amore. Scianel, esce di prigione ma ormai ha perso tutto, “Scianel emerge dalle macerie ma ha uno sguardo diverso, distaccato, il suo personaggio, la iena, sarà più agguerrita di prima? Lo scopriremo strada facendo…”, racconta Cristina Donadio, nel corso della conferenza stampa di presentazione della serie (video).

Ogni personaggio ha un’evoluzione non verso il bene, ma verso il confronto con se stesso. “Mostrare il male serve a distinguere da ciò che si scegli per se. Gomorra non ha un intento educativo, ma mostra la realtà che tanti non conoscono. Da sempre il racconto diventa didattico solo raccontando la parte selvaggia, oscura che permette poi i separare il bene dal male…”, ha precisato Mario Tozzi, spiegando, se ancora fosse necessario, che Gomorra non può essere considerata diseducativa o denigratoria di un popolo. Quello che invece è davvero sconcertante è l’uso delle immagini dei due protagonisti, Ciro e Genny, per descrivere un fatto criminale di cronaca vera. A raccontarlo è Marco D’Amore, particolarmente seccato dall’associazione che purtroppo viene fatta, senza nemmeno rendersi conto della distinzione tra la realtà e la fantasia, grave che sia stato un giornale a farlo “ognuno parli della propria responsabilità”, ha concluso Marco D’Amore (video).

Gomorra – La Serie arriva in TV dal 17 novembre, tutti i venerdì alle 21.15 su Sky Atlantic HD (e su Sky Cinema 1 HD) con 2 episodi a sera, e disponibile su Sky On Demand. Inoltre, novità assoluta, Gomorra debutta al cinema con i primi episodi proiettati in anteprima in oltre 300 sale italiane il 14 e 15 novembre con Sky e Vision Distribution. Una storia locale divenuta globale, per un successo che parla ormai molte lingue: Gomorra, con la sua diffusione in 190 territori, è la serie italiana più esportata, e anche quella che ha saputo ridefinire gli standard e il linguaggio della serialità italiana. Un modello di narrazione e scrittura capace di competere con grandi produzioni internazionali, e un immaginario divenuto iconico, anche grazie alle interpretazioni di un cast di straordinari talenti radicati sul territorio. Gomorra – La Serie, nata da un’idea di Roberto Saviano e tratta dal suo omonimo bestseller, è diretta da Claudio Cupellini e Francesca Comencini, e scritta da Leonardo Fasoli, Maddalena Ravagli, Ludovica Rampoldi. Nel cast Marco D’Amore (Ciro di Marzio), Salvatore Esposito (Genny Savastano), Cristiana Dell’Anna (Patrizia), Cristina Donadio (Scianel), a cui si aggiungono, tra gli altri, due giovani attori napoletani: Arturo Muselli, nel ruolo di Enzo, capo di una nuova fazione che cercherà di prendersi il centro di Napoli e Loris De Luna, che interpreta Valerio, un ragazzo della Napoli bene affascinato dalla prospettiva di entrare nella partita. Tornano anche nella terza stagione Fabio De Caro (Malamò), Ivana Lotito (Azzurra, la giovane moglie di Genny) e Gianfranco Gallo (Giuseppe Avitabile, il padre di Azzurra).
 

Commenti

commenti