Inizia la grande rassegna di moda con l’edizione estiva di AltaRoma ed inizia all’interno di una location assolutamente prestigiosa come il Palazzo delle Esposizioni di Roma ove è in corso di svolgimento una parallela mostra fotografica dall’affascinante titolo di “L’altro sguardo.Fotografe italiane 1965-2018” composta di opere fotografiche relative al periodo italiano dalla metà degli anni Sessanta a oggi.

Sabrina Persechino ha presentato, contornata dalle foto provenienti dalla Collezione Donata Pizzi e realizzate da varie autrici appartenenti a varie generazioni ed ambiti espressivi diversi, la sua collezione “ pret a porter “ denominata “ Optical, geometric pattern “, una collezione autunno-inverno realizzata analizzando opere d’arte contemporanee e con riferimenti al classico, che realizza volumi architettonici laserati, sapientemente fessurati, che lasciano intravedere e percepire gli spazi interni senza mai rivelarli appieno.

Sabrina applica alla moda la ripetizione geometrica del motivo grafico da lei individuato sulla superficie tessile, ed  emula lo schema di un progetto architettonico, di una maglia strutturale, di una rete metallica elettrosaldata o stirata proprie della pratica cantieristica.

In tal modo le linee pulite proprie dell’architettura diventano una interpretazione contemporanea della tradizione classica: i pizzi e i merletti sono rivisitati e resi modernissimi grazie all’ausilio dei programmi di grafica vettoriale e delle incisioni al laser: ecco il perché la sfilata è definibile come “  optical art “, un’arte astratta, essenzialmente grafica, basata su una rigorosa definizione del metodo operativo che in movimento provoca illusioni ottiche seguendo linee parallele per i bianchi e i verdi in cachemire e faillee, a raggiera per i rossi e i corallo in tasmania e cachemire, spezzate estremamente geometriche con riferimenti ellenici per i neri in crepe di seta.

Ad accompagnare i colori elencati, outfit curcuma con stampe, anch’esse ottiche e geometriche nei colori arancio e tortora.

Meravigliosi i capispalla e le tute, oltre che gli abiti da cocktail e da grande soirée realizzati con la collaborazione dello staff dell’Atelier Persechino costituito da sole donne di dolce e costruttiva caparbietà e determinazione: straordinario il successo.

Commenti

commenti