Si è aperto martedì 10 e durerà fino a sabato 14 ottobre il Premio Massimo Troisi:protagonisti Ciro Giustiniani, Angelo Forgione, Mariano Bruno, Pino Imperatore e Anna Pavignano che presentano le loro fatiche letterarie Appuntamento tutti i giorni a Villa Bruno di San Giorgio a Cremano alle ore 18 Cinque appuntamenti che trasformeranno la biblioteca di Villa Bruno in un salotto letterario nel quale gli autori presenteranno le loro opere.  Si comincia martedì 10 ottobre, alle ore 18.00 con Ciro Giustiniani che racconterà la storia divertente: “Per mia mamma sorridere era già in italiano”, un ebook edito da Rai-Eri nel quale il cabarettista racconta il suo passato tra il desiderio di fare l’attore comico e la vita da sindacalista.

Mercoledì 11 ottobre, sempre alle 18.00 a Villa Bruno, spazio a Angelo Forgione che presenta il libro “Napoli capitale morale”: un raffronto tra la Milano succube degli austriaci e la Napoli capitale morale, guida del Regno delle due Sicilie.

Giovedì 12 ottobre, invece, è la volta  di Mariano Bruno che presenta al pubblico il suo “Chi è Pigroman campa cient’anni”. Un racconto, formato ebook edito Eri-Rai, nel quale uno dei simboli di Made in Sud racconta le avventure del suo “supereroe controvoglia” puntando ad un’autobiografia ironica e dissacrante.

Venerdì 13 ottobre, inoltre, è la volta di Pino Imperatore che presenta il suo libro edito da Mondadori “Allah, San Gennaro e i tre kamikaze”: racconto ironico sui preparativi di una cellula terrorista che, alla fine, capisce come sia impossibile realizzare un attentato a Napoli.

Gran chiusura, sabato 14 ottobre, con Anna Pavignano (sceneggiatrice dei film di Troisi e componente della Giuria del Premio) che presenta il suo libro “La svedese”, un romanzo che si distacca dal filone ironico per affrontare il tema dell’amore contrastato e difficile di una donna per un uomo sposato e infelice nel suo matrimonio.  “Non dimentichiamo che San Giorgio a Cremano è la città della cultura  – spiega il sindaco Giorgio Zinno – e inserire appuntamenti gratuiti che uniscono la letteratura alla comicità è lo sviluppo naturale di una rassegna poliedrica e completa.”

“Il Premio Troisi non è solo un contenitore di appuntamenti fatto per divertire ma una rassegna che offre opportunità di conoscenza e di arricchimento a 360 gradi – conclude Paolo Caiazzo -senza dimenticare che il leit motiv dell’intero Premio è comunque la comicità .

Intanto il week end appena terminato ha visto un grande successo di pubblico per gli spettacoli in programma. Tra questi quello di Ciro Ceruti Francesco Procopio che hanno chiuso il primo ciclo di eventi in Villa Vannucchi. I nuovi poveri é una commedia divertente e irriverente che ha fatto ridere e riflettere.

Link ufficiale: https://www.facebook.com/PremioMassimoTroisi/

 

 

Commenti

commenti