Musica, fantascienza e disegni animati sono gli ingredienti del nuovo singolo di Andrea Casta, il violinista elettrico autore del progetto “ The Space Violin Project “ il cui primo brano sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali da oggi 22 giugno 2018: un racconto sonoro che, attraverso 12 tracce di musica elettronica dance e 12 episodi avventurosi condurrà l’ascoltatore all’interno di un linguaggio nuovo e contaminato, tra illustrazione e immagini reali.

 

Siamo sul Pianeta Terra, nell’anno 2228: l’umanità vive anni difficili dopo una grande guerra scoppiata perché gli uomini, dialogando solo con automi e macchine, sono giunti alla totale mancanza di dialogo con la conseguente incomprensione fino al punto di ritrovarsi in conflitto totale tra loro.

 

L’Alleanza, che mantiene una fragile pace, chiama il Comandante AJ, violinista e anima intrepida, a guidare una spedizione alla ricerca di alleati extraterrestri, con i quali tentare un dialogo attraverso la musica per poter ricostruire il valore del contatto umano, della comprensione reciproca e per ridare una speranza al mondo intero: viene così varata la missione The Space Violin.

 

Dopo sette anni di navigazione nello spazio profondo a bordo dell’astronave  Life on Mars, il Comandante AJ inizia il racconto delle avventure condivise con il suo equipaggio di artisti, musicisti e creativi; Double Sun racconta l’entusiasmo ritrovato nell’incontrare, dopo anni di viaggio, una galassia ricca di pianeti potenzialmente abitati, illuminati da due soli.

 

Il brano è stato prodotto tra Roma, Berlino e Londra, dai giovani talenti The Trickers (Lorenzo Benassi e Mattia Crescini) mentre il videoclip della canzone sarà un mix di riprese live e disegni animati, realizzati dal giovane illustratore Lorenzo Gubinelli.

 

Andrea Casta è oggi uno dei musicisti che più ha appassionato il mondo social, avvicinando le nuove generazioni e il pubblico internazionale allo strumento violino con 75mila followers su Instagram e più di 22mila su Facebook;il suo percorso artistico è del tutto degno di rilievo: partito dalla radio, dalla tv e dai musical negli anni 2000, è maturato attraverso innumerevoli tour nei club, festival ed eventi tra Europa, Medio Oriente e Americhe.

 

Dai linguaggi del pop e del rock, attraverso la costante collaborazione con molti dj di diverse nazionalità ed estrazioni, negli ultimi anni è diventato protagonista della musica dance ed elettronica, di cui The Space Violin Project è la naturale evoluzione discografica.

 

Attento al portato comunicativo dei suoi progetti, attraverso questa narrazione fantascientifica Casta vuole, non solo intrattenere e far ballare, ma anche interrogarsi sulle prospettive possibili a cui l’umanità potrà andare incontro come conseguenza del suo rapporto, sia in positivo che in negativo, con le tecnologie.

Commenti

commenti