60369_pplUna contaminazione di genere tra diverse commedie, tra le quali “ Una notte da leoni “, “ Mamma ho perso l’aereo “ e, soprattutto, “ Babysitting “ del quale, in fondo questo divertentissimo film è il remake: è questa, in sintesi, la genesi del lavoro di Giovanni Bognetti che lo ha scritto e diretto.

Un trentenne introverso ( Andrea ), ultimo tra gli ultimi impiegati di una agenzia di collocamento di campioni sportivi, viene occasionalmente incaricato dal suo capo e proprietario dell’agenzia ( Porini ) di fare da baby sitter al figlio in quanto lui e sua moglie debbono assentarsi da casa per una festa che li terrà lontani due giorni; il tutto nel giorno del compleanno del commesso che aveva già tutto predisposto per una serata in un locale per giovani.

Gli amici di Andrea non intendono lasciar passare la serata senza degnamente celebrarla e, saputo che Andrea deve recarsi  a casa del suo capo, gli preparano una vera e propria improvvisata della quale lui non sembra accettare la location che – guarda caso – è proprio la casa nella quale lui dovrà fare da baby sitter.

i-babysitter-2016-movie-still-2-e1476264005187 Grande confusione durante la festa, polizia finta che arriva, esagerazioni giovanili messe in evidenza, la sparizione del “ bambino “ che Andrea avrebbe dovuto custodire ed infiniti danni causati più o meno volontariamente da una turba scatenata di amici, e non, del povero commesso costituiscono lo scenario movimentato nel quale il povero dipendente dell’agenzia si trova a dover vivere con angoscia ed anche con malcelato divertimento: il suo capo è un boss cinico, esigente, prevaricatore, dai modi sbrigativi verso il quale lui, sottoposto e vessato, si trova continuamente in preda ad un timore reverenziale; nel corso della festa accadono cose che sfuggono al suo controllo ma che la telecamera dl un suo amico organizzatore farà rivedere al pubblico che assiste al film.

Un’idea assolutamente originale quella della telecamera che descrive tutta la notte brava: tra le varie scene assolutamente degna di essere evidenziata è quella della corsa con i go kart per una fuga da un luna park: un inseguimento con dei giostrai che rincorrono i ragazzi, tra i quali Andrea ed il bambino affidatogli, veramente esilarante ed anche tecnicamente perfetta.

Una pellicola dai mille risvolti e dai mille punti di vista, che spazia dalla solitudine dei bambini alla incoscienza dei genitori di oggi alle ambizioni che sono dentro di noi, a volte sfrenate come quelle di Gianni Porini, e con un occhio alle represse insoddisfazioni di chi si ritrova sottoposto, per lavoro, a personaggi senza rigori morali; la difficoltà di essere genitori oggi è evidenziata nel corso di tutto lo svolgimento del film, come pure è evidenziato, magari positivamente, il valore dell’amicizia e, diciamolo pure, dell’amore come lo intendono i giovani che, nel caso di specie, è quello tra l’insicuro Andrea e la spericolata Sonia.

ad66c1a237-e1476279934345Andrea: un più che eccellente Francesco Mandelli, tanto sornione quanto da prendersi in giro, ligio al dovere e profondamente innamorato della cugina del suo  “ amico “ Aldo, quello più eccitato di tutti i suoi amici

Gli amici di Andrea: Aldo ( un impareggiabile Paolo Ruffini ) è il più scatenato tra tutti, Mario ( Andrea Pisani ), un vero e proprio incosciente nato, ma simpaticissimo, Sonia ( Simona Tabasco ) della quale Andrea è perdutamente innamorato, Ernesto ( Luca Peracino ) è il cugino di Simona e l’autista scatenato di uno dei go kart: fastidioso e odioso al punto da farsi voler più bene degli altri.

abatantuonoGianni Porini, l’agente di campioni sportivi ( Diego Abatantuono ): imperturabibile di fronte ad ogni questione che riguardi i suoi affetti ed affari sportivi, anche di fronte alla sparizione del filgio che riesce a far passare in secondo piano.

cavallinMarta, moglie di Gianni Porini ( Francesca Cavallin): brava quanto basta per essere una moglie modello…….con qualche leggero difetto!

57921_pplE gli altri? Assolutamente da positivamente registrasi le interpretazioni di Antonio Catania nella parte del commissario di PS che indaga sui danni della festa e sulla scomparsa del figlio di Gianni e Marta e quella di Francesco Facchinetti, un Vice Ispettore di PS con ambizioni da divertentissimo psicologo, che viene colto in fallo nel corso della notte brava…….

Colorado Film ha prodotto questa pellicola in collaborazione con Medusa Film e Mediaset Film della durata di 84’ che a nostro modo di vedere merita tutto il successo possibile e che una eccellente scenografia di Tonino Zera ha altamente qualificato, accompagnata da una perfetta fotografia opera di Federico Masiero; sarà sugli schermi a partire dal prossimo 19 ottobre.

 

Commenti

commenti