A partire da lunedì 22 giugno, il Festival di Cannes lancerà il Marché du Film Online con l’obiettivo di supportare i professionisti dell’industria cinematografica.

Sono tempi difficili per tutto il mondo, lo sappiamo tutti e in vista del triste futuro che si prospetta, gli organizzatori della rassegna hanno annunciato che non intendono fermarsi.  “Nessuno sa cosa potrebbe portare la seconda metà dell’anno e se sarà possibile organizzare nuovamente importanti eventi cinematografici nel 2020”. ha dichiarato Thierry Frémaux, delegato generale del Festival. Nonostante la pandemia, Cannes ha deciso di pianificare numerosi progetti in grado di accontentare anche quest’anno il suo fedele pubblico, sempre pronto come ogni anno, a rispondere all’immancabile appuntamento nella suggestiva città francese.

La prima iniziativa lanciata dal direttore esecutivo Jérôme Paillard si chiama Marché du Film Online. Un nuovissimo tipo di mercato, organizzato con la partecipazione di molti professionisti provenienti da tutto il mondo, aiutando l’industria a non sprofondare in una crisi che in questo periodo, rischia seriamente di coinvolgere case di produzione e distribuzione. Il mercato online ha lo scopo di imitare l’esperienza del festival con incontri in tempo reale. Offrirà alternative interessanti per facilitare la vendita dei loro prodotti con stand virtualipadiglioni, riunioni video e conferenze.

All’interno degli stand, i rivenditori saranno in grado di connettersi con gli acquirenti, mostrando loro i nuovi film in commercio. Anche se tutto si svolge solo online, i padiglioni virtuali tenteranno di ricostruire l’atmosfera che annualmente si respira  nel Village International. Le istituzioni di tutto il mondo organizzeranno numerosi incontri per presentare la loro cinematografia e non mancheranno preziose informazioni riguardo alle attività delle commissioni e le location dei film. Per partecipare, basta richiedere un’iscrizione all’applicazione di rete Marché du Film Match and Meet e collegarsi in occasione della video conferenza. I film e le presentazioni dei progetti saranno programmati in 15 cinema virtuali e le repliche, organizzate per gli acquirenti in diversi orari, tenendo conto anche del Jet Lag. In questo modo, anche gli spettatori dei paesi più lontani, avranno la possibilità di decidere il momento più adatto per la proiettare un film. A questo proposito, non può mancare un ringraziamento al contributo di Cinando, la piattaforma digitale lanciata dal Marché du Film nel 2003; oggi la prima rete per navigare nell’industria cinematografica. Le conferenze saranno condivisibili nello spazio digitale attraverso numerose hasthag: Cannes Docs, Cannes Next, Producers Network, Goes to Cannes, Frontières o Fantastic 7. Ed infine Cannes XR, il programma interamente dedicato all’intrattenimento in cui non mancheranno incontri Speed ​ con compositori, editori di libri o produttori.

Jérôme Paillard ha dichiarato: “In questa difficile situazione, l’industria cinematografica sta esprimendo la necessità di un appuntamento. Un sondaggio che abbiamo condotto la scorsa settimana tra i distributori di tutto il mondo rivela che l’80% di loro è interessato a un mercato online. Non sostituiremo l’esperienza di Cannes con il Marché du Film Online, ma stiamo ricreando parte della sua essenza, offrendo ai professionisti una piattaforma efficiente e all’avanguardia per proiettare film, acquistarli, finanziare progetti e incontrare partner.

Accreditamenti per il Marché du Film Online saranno presto disponibili per i professionisti del settore con una tariffa anticipata di € 95 fino al 29 maggio, seguita da una seconda rata dal prezzo di 195 euro. L’evento si terrà da lunedì 22 a venerdì 26 giugno.

Eugenio Bonardi

Commenti

commenti