Pierre Rissient

“Siamo profondamente rattristati dalla notizia che il cinefilo, storico e regista Pierre Rissient è morto lo scorso fine settimana, all’età di 81 anni. Per questo vorremmo rendere omaggio a lui, in questa giornata inaugurale del 71 ° Festival di Cannes.

Per più di cinquanta anni, Pierre è stato uno dei membri più importanti della comunità di Cannes e del Festival, mettendo tutta la sua energia creativa nell’aiutare a mostrare film provenienti da paesi lontani. Aspettavamo che arrivasse sulla Croisette ogni anno carico di gioia, impazienza e nervosismo, perché aveva una visione così forte e originale del cinema e del Festival di Cannes.
Ci sarà molto da dire sull’importanza di questo operatore dietro le quinte; molte persone lo faranno nei prossimi giorni, mesi e anni. Oggi i nostri pensieri vanno a sua moglie, Yung Hee, sua sorella Anne-Marie e suo marito e i suoi figli. Pensiamo ai suoi amici, anche ai più cari colleghi come Bertrand Tavernier, il suo compagno cinefilo per 50 anni; Jane Campion, che Pierre scoprì in uno dei suoi numerosi viaggi in Australia e che sostenne fino alla Palma d’oro; Clint Eastwood, con il quale aveva un legame incrollabile; Claire Denis, la cui abilità artistica nella regia ha tanto amato; Quentin Tarantino, che amava sentirlo raccontare storie incredibili; Jerry Schatzberg, che dice di soffrire per lui come un fratello; Martin Scorsese, il quale portò Mean Streets a Cannes; Tom Luddy, che nominò uno dei teatri al Festival di Telluride “The Pierre”; Kim Dong-ho, del Festival di Busan, che ha praticamente co-fondato; Todd McCarthy, Benoit Jacquot e Pascal Mérigeau che gli hanno dedicato documentari, Michel Ciment con il quale ha avuto un’indimenticabile giostra verbale, Samuel Blumenfeld che ha appena raccolto in un libro i ricordi dei giornalisti nelle sue leggendarie cene in cui si trapelavano voci folli. Si diceva che nel bel mezzo del pasto sarebbero emersi i futuri vincitori, in uno spirito di buon umore e malizia.

Il 2018 sarebbe stato il “suo” anno. Pierre Rissient avrebbe dovuto riportare al festival il regista coreano Lee Chang-dong, che aveva notevolmente aiutato a farsi conoscere in tutto il mondo, come aveva fatto con tanti altri prima. È stato felice di proporre per la sezione Un Certain Regard, il secondo film del giovane regista cinese BI Gan. Inoltre doveva presentare Cinq et la peau (Five and the Skin) a Cannes Classics, che ha diretto nel 1982 e che ha trovato la sua strada in una versione restaurata, nei cinema francesi grazie a TF1 e Carlotta.
La proiezione di lunedì 14 maggio, alla presenza di Bertrand Tavernier, sarà in memoria di Pierre Rissient e sarà il nostro modo di dedicare questa 71esima edizione del Festival de Cannes a lui.
L’ultima volta che gli abbiamo parlato, questo grande amante della letteratura ha pensato che la citazione di Marcel Proust si adattasse perfettamente a Cannes «A quale scopo dovrei camminare tra questi alberi se non ci fosse più nulla dell’assemblea che si riuniva sotto questo delicato ricamo di foglie arrossate? se la volgarità e la follia hanno soppiantato la cosa squisita che i loro rami una volta incorniciati. »
È nostro fervido desiderio seguire gli avventurieri del cinema d’esempio, da Roger Ebert a Dan Talbot, da Jean Hernandez a Pierre Rissient. In ricordo di coloro che hanno avuto tanto piacere nell’aiutare le giovani generazioni, incombe a tutti noi che crediamo nel futuro del cinema, per garantire che questi festival di supporto, cinefili, esploratori e viaggiatori non svaniscano mai.
Auguriamo a tutti un buon Festival”.
Pierre Lescure, Thierry Frémaux, Christian Jeune e tutto il team Festival de Cannes.

 

Eugenio Bonardi

Commenti

commenti