Home Tv “Caro Marziano”, appuntamento quotidiano con Pif: “I marziani siamo noi…”

“Caro Marziano”, appuntamento quotidiano con Pif: “I marziani siamo noi…”

Pif "Caro Marziano"
Pif “Caro Marziano”

“Caro Marziano”, inizia così la videolettera a un futuro marziano, ovvero il racconto dell’Italia di oggi da tramandare ai posteri: “i marziani siamo noi, la nostra coscienza più profonda…” ha spiegato Pif nel corso della presentazione alla stampa del nuovo programma in onda su Rai Tre, dal lunedì al venerdì, per 38  puntate, dal 3 maggio. In dodici minuti Pif racconterà delle storie ordinarie e straordinarie, nella prima puntata si torna indietro nel tempo, al 1985, con la storia della strage di mafia di Pzzolungo, dove nell’attentato a Carlo Palermo morirono la madre e i due fratellini di Margherita Asta, che è la protagonista del primo racconto di “Caro Marziano”. Una storia dura in cui si vede la macchia di sangue sul muro di una casa vicina al luogo dell’atentato: “non voglio insegnare niente a nessuno, solo credo che bisogna ricordare e che quella maccha bisogna vederla, per imprimere i fatti nella memoria…”, ha spegato Pif (di seguito un breve video che spiega come nascono le storie che Pif racconterà). Ogni storia sarà n episodio unico, a parte quella di Margherita Asta che tornerà con l’intervista a Carlo Palermo, obiettivo dell’attentato, scampato proprio grazie all’auto d Barbara Izzo che fece da scudo.

“Caro Marziano” Daria Bignardi e Pif

“Caro Marziano” racconterà anche il “cazzeggio”, storie divertenti, raccolte andando in giiro per il mondo o anche solo suggerite da un vicino in aereo, un reportage di dodici minuti, per raccontare l’Italia, un format nuovo per Pierfrancesco Diliberto che, per la prima volta si cimenta in un programma quotidiano. La prima serie di racconti è statagià girat, ma le altre storie partiranno dall’attualità raccontata alla sua maniera, quella che piace molto anche a un pubblico giovane. Scelto già al suo insediamento a Direttore di Rai Tre, Daria Bignardi lo ha contattato ed è stato “amore a prima vista”. Un amore professionale: “Pif è la persona giusta per l’idea che ho di Rai Tre…” ha dichiarato la Bignardi, mentre Pif dal canto suo ha spiegato che, nonostante la sua timidezza e l’ansia per la diretta e per lo studio televisivo, ogni volta che è stato osite a “Le invasioni Barbariche” si è sentito a suo agio, sentendo l’impulso di abbracciare e baciare l’allora conduttrice: “…ma in pubblico, davanti a tutti, sulla guancia…” ha precisato Pif scherzando.