Home Tv Da oggi su RaiPlay la docuserie sui “Ragazzi dell’Opera”

Da oggi su RaiPlay la docuserie sui “Ragazzi dell’Opera”

La locandina della docuserie di RaiPlay

Sognano di ballare sulle punte da quando sono bambini e inseguono tenacemente le proprie aspirazioni; raccontano le speranze e le paure, i sacrifici e le emozioni, le amicizie e gli amori. Sono i giovani allievi dell’Opera di Roma, protagonisti di “Scuola di Danza – I ragazzi dell’Opera”, in esclusiva su RaiPlay da oggi 21 aprile con i primi tre episodi.

Coppelia Suite “Scuola di Danza” ph Fabrizio Sansoni-Opera di Roma 2021_8414


La docuserie, in dodici puntate diffuse in quattro appuntamenti settimanali, presenta i ragazzi che studiano alla scuola di danza del Teatro dell’Opera, una delle più prestigiose del nostro paese. Sono ballerini che arrivano dall’Italia e dall’estero, tutti mossi dal sogno di diventare étoile del balletto, esibirsi sul palcoscenico, regalare armonia ed emozionare il pubblico.
«Siamo molto felici di raccontare la passione, il coraggio e i passi di danza di questi giovani che lasciano così presto le loro famiglie, le loro città, per approdare a Roma, guidati dal talento e dalla passione – sottolinea Elena Capparelli, Direttrice di RaiPlay e Digital –. Un ritratto colorato e denso di emozioni, una generazione che davvero siamo orgogliosi di ospitare su RaiPlay».
Grazie al pedinamento costante delle videocamere, parteciperemo alle vicende di un gruppo di allievi degli ultimi anni di corso, tra i 16 e i 20 anni, alle prese con la preparazione di uno spettacolo che richiede allenamenti quotidiani e prove impegnative, con maestri che sono professionisti severi ed esigenti. Senza filtri, questi giovani protagonisti raccontano la propria adolescenza e la propria vita, dentro e fuori dalla scuola.

Coppelia Suite “Scuola di Danza” ph Fabrizio Sansoni-Opera di Roma 2021_7835


Quando finiscono le lezioni, i ragazzi escono insieme, alcuni sono amici, tra altri nasce l’amore; qualcuno vive con la famiglia, qualcun altro in collegio con i compagni; c’è chi lavora per potersi mantenere e chi si dedica al proprio canale YouTube per raccontarsi. Emergono i turbamenti e i pensieri personali dei ragazzi, uniti nel percorso di formazione della propria identità e dalla necessità di trovare il proprio ruolo nel mondo della danza.
Protagoniste di “Scuola di danza- I ragazzi dell’Opera” sono anche le famiglie dei giovani allievi, accanto ai maestri della scuola di danza e alla direttrice Laura Comi.

Coppelia Suite “Scuola di Danza” ph Fabrizio Sansoni-Opera di Roma 2021_8104


Il programma è ideato e prodotto da Riccardo Brun, Paolo Rossetti, Francesco Siciliano per Panamafilm (Corpo di ballo; Scrittori #Fuoriclasse; Non ho l’età, Stato Civile), capo-progetto e autrice è Annalisa Mutariello, autrice Claudia Carotenuto, direttore della fotografia Mario Pantoni.
Di seguito le sinossi dei primi tre episodi
Episodio 1
Gli allievi della scuola di danza del Teatro dell’Opera di Roma si preparano per un nuovo anno accademico, molto impegnativo, nel quale dovranno portare in scena uno spettacolo. Nel frattempo Dario, il nuovo arrivato a scuola, ha già fatto colpo su una delle ragazze del sesto corso.

Episodio 2
Un litigio ha allontanato Erika e Micheal e la loro storia d’amore sembra in bilico. Anche Carolina è presa dagli affari di cuore e chiede aiuto alle sue amiche. Intanto, la direttrice Comi ha convocato i maestri per pianificare il prossimo spettacolo: “Coppelia”.

Prove Coppelia Suite “Scuola di Danza” ph Fabrizio Sansoni-Opera di Roma 2021_6417


Episodio 3
I maestri e la direttrice stanno osservando gli allievi per decidere chi farà parte del cast di “Coppelia”. I ballerini dell’ottavo corso sono in competizione tra loro perché sperano di essere scelti per i ruoli principali. Intanto, dopo scuola, Erika chiede a Micheal di organizzare un appuntamento per Carolina e Dario mentre Giulia passa la serata con i suoi amici.

Massimo Nardin è Dottore di ricerca in Scienze della comunicazione e organizzazioni complesse, docente universitario presso l'Università Lumsa di Roma e l'Università degli Studi Roma Tre, diplomato in Fotografia allo IED Istituto Europeo di Design di Roma, giornalista pubblicista, critico cinematografico, sceneggiatore e regista. È redattore capo della sezione Cinema della rivista on-line “Il profumo della dolce vita” e membro del comitato di redazione di “Cabiria. Studi di cinema - Ciemme nuova serie”, quadrimestrale del Cinit Cineforum Italiano edito da Le Mani (Recco, GE). È membro della Giuria di “Sorriso diverso”, premio di critica sociale della Mostra del Cinema di Venezia, e del Festival internazionale del film corto “Tulipani di seta nera”. Oltre a numerosi saggi e articoli sul cinema e le nuove tecnologie, ha pubblicato finora tre libri: “Evocare l'inatteso. Lo sguardo trasfigurante nel cinema di Andrej Tarkovskij” (ANCCI, Roma 2002 - Menzione speciale al “Premio Diego Fabbri 2003”), “Il cinema e le Muse. Dalla scrittura al digitale” (Aracne, Roma 2006) e “Il giuda digitale. Il cinema del futuro dalle ceneri del passato” (Carocci, Roma 2008). Ha scritto e diretto diversi cortometraggi ed è autore di due progetti originali per lungometraggio di finzione: “Transilvaniaburg” e “La bambina di Chernobyl”, quest'ultimo scritto assieme a Luca Caprara. “Transilvaniaburg” ha vinto il “Premio internazionale di sceneggiatura Salvatore Quasimodo” (2007) e nel 2010 è stato ammesso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali al contributo per lo sviluppo di progetti di lungometraggio tratti da sceneggiature originali; nell'autunno 2020, il MiBACT ha ammesso “La bambina di Chernobyl” al contributo per la scrittura di opere cinematografiche di lungometraggio.