Il grande piazzale del Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo ( MAXXI ) ospiterà, dal 5 al 7 luglio, tre speciali serate nel corso delle quali verranno proiettate le immagini de “ Il venditore di colori “ di Daniele Costantini, “ Treno di parole “ di Silvio Soldini e “ In questo mondo “ di Anna Kauber, tre documentari vincitori della seconda edizione del concorso “ Extra Doc Festival “ organizzato dalla Fondazione Cinema per Roma CityFest e Fondazione Maxxi.

Registi e autori premiati presenteranno al pubblico le loro opere e dialogheranno con Mario Sesti, curatore di Extra Doc Festival, il concorso che riunisce le migliori espressioni del documentario italiano.

Parteciperanno alle serate anche i membri della Platea Competente – composta da rappresentanti di Biblioteche di Roma e da giovani critici militanti – che hanno collaborato con il curatore e la giuria ufficiale del MAXXI alla segnalazione e alla promozione dei film in programma.

Il primo appuntamento (venerdì 5 luglio ore 21) ospiterà Il venditore di colori di Daniele Costantini che porta sul grande schermo la storia di Memmo, della “Ditta Poggi”, il più celebre negozio di colori a Roma. A partire dal 1962, appena diciottenne, Memmo ha rifornito grandi nomi della pittura contemporanea, da Balthus a Renato Guttuso, da Jim Dine a Cy Twombly, da Mario Schifano a Sandro Chia, da Enzo Cucchi a Mimmo Paladino, divenendone con il tempo amico, confidente, fan della loro creatività. Il film vincitore del premio “Extra Doc CityFest” al Miglior documentario inedito sarà introdotto dal regista Daniele Costantini e dal protagonista Memmo Mancini.

Il giorno successivo (sabato 6 luglio ore 21) sarà la volta di Treno di parole di Silvio Soldini, premio ex aequo per il “Miglior documentario italiano dell’anno”. Il film, presentato in anteprima alla scorsa Festa del Cinema di Roma, è dedicato a Raffaello Baldini e alle sue poesie in dialetto, lette e recitate nel film da amici e da attori come Ivano Marescotti e Gigio Alberti. Soldini è abile nel costruire – per accumulo di voci, versi, foto, super8 – la figura di questo intellettuale timido e strepitoso (una sorta di Beckett in romagnolo) che, per anni, è stato caporedattore della cultura a Panorama, coltivando senza sosta, nel privato, versi di eccezionale intelligenza e musicalità.

La proiezione conclusiva (domenica 7 luglio ore 21) sarà dedicata a In questo mondo di Anna Kauber, premio ex aequo come “Miglior documentario italiano dell’anno”: la regista, che presenterà il film agli spettatori del MAXXI, fornisce uno straordinario ritratto delle donne pastore dopo aver vissuto al loro fianco per lungo tempo alla scoperta di una quotidianità spesso fatta di empatia e ottimismo. Con la sua opera, Anna Kauber realizza una lettura accurata e sorprendente di un fenomeno complesso e misconosciuto, un viaggio dal Piemonte alla Calabria e alla Sardegna fatto di immagini ricche e vive, interviste piene di vita e silenzi mai banali.

 

(L’immagine del MAXXI é di depositphoto)

Commenti

commenti