Max Giusti, Di Padre in Figlio

Max Giusti, Di Padre in Figlio

DI PADRE IN FIGLIO AL TEATRO SISTINA DAL 1 AL 13 APRILE PROSSIMI
Che Max Giusti desiderasse da tempo volare più alto di quanto attualmente lo faccia, è una sua affermazione, è assolutamente normale ed altrettanto piacevole per il pubblico, numeroso, che lo segue con grande affetto; ma che addirittura il suo ritorno al teatro, dopo aver abbandonato i pacchi che apriva in televisione, rivestisse tanto meritato clamore proprio non ce lo aspettavamo.
E lo fa rappresentando una pièce dal carattere insolito, che sicuramente saprà far divertire ed emozionare il pubblico che è già in lista di attesa per assistere alla performance del brillante attore che dopo tanti anni di esibizioni radiofoniche e televisive si ripresenta con uno spettacolo scritto a più mani da lui stesso, da Andrea Lolli, Claudio Pallottini e Giuliano Rinaldi e con una affascinante colonna sonora opera di Gaetano Curreri, uno dei più grandi autori musicali italiani di questo tempo; la regia è di Marco Carniti e le coreografie sono di Kristian Cellini.
Nella conferenza stampa di presentazione Max, da attore brillante e sostanzialmente comico, ha evidenziato come questa sua esibizione rappresenti un mix di comicità, spontaneità e soprattutto di rappresentazione di un problema che sembra oggi investire i rapporti tra padri e figli, rapporti pieni di silenzi, mancate confessioni reciproche, di cose non dette.
Attraverso questo lavoro, che si appalesa prestigioso e pieno di sentimento, pieno di rimembranze che riguardano storie accadute in Italia negli ultimi quarant’anni, si rivivono, dice l’attore romano, le vicende di un padre quarantenne, un attore, che va a far visita a suo padre ricoverato in ospedale: nel dialogare con il genitore l’attore riflette sul suo passato e cerca di vedere il suo futuro; nel corso della visita gli si presenta l’occasione per riflettere e per assumere difficili decisioni.
Il lavoro ci lascia in bocca la consapevolezza che, forse, molte cose passate non saranno mai più le stesse.
Quando si smette di essere figli e si diviene genitori?
E quando si diventa genitori, si smette di essere figli?
Questo il succo della vicenda che Max Giusti ci racconterà in chiave comico – realistica e, ne siamo certi, riuscirà senz’altro a farci impressionare ed a farci riflettere.
Lo spettacolo è già stato rappresentato a Cosenza, San Severo ed Avezzano ed approderà al Sistina dove resterà in cartellone dal 1 al 13 aprile 2014.

Commenti

commenti