Al Moscow International Film Festival il premio “ Silver George migliore regia “ è stato assegnato, da una giuria composta, tra gli altri,  da Kim Ki-duk e Valia Santella, dal regista turco Semih Kaplanoğlu, dall’attrice russa Irina Apeksimova e dall’attrice finlandese Maria Jarvenhelmi all’italiano Valerio Mastandrea.

Mastandrea si è aggiudicato il prestigioso premio per la sua opera prima “ Ride “ interpretato da Chiara Martegiani, Renato Carpentieri, Stefano Dionisi, Arturo Marchetti e Milena Vukotic.

Il film narra ciò che accadde una domenica di un maggio qualunque quando a casa di Carolina stanno per celebrarsi i funerali di Mauro, suo compagno, un giovane operaio caduto nella fabbrica in cui, da quelle parti, hanno transitato almeno tre generazioni di abitanti della cittadina di mare.

Carolina è rimasta sola, con un figlio di dieci anni, e deve sostenere una fatica immensa e, pur sprofondando nella disperazione per la perdita dell’amore della sua vita, dopo sette giorni non riesce a piangere: perché? Perché non impazzisce dal dolore?  Perché per lei non sembra essere cambiato nulla? Nonostante gli sforzi, non riesce ad afferrare quello strazio giusto, sacrosanto e necessario a farla sentire una persona normale. 
Manca solo un giorno al funerale e tutti si aspettano una giovane vedova devastata. Carolina non può e non deve deludere nessuno, soprattutto se stessa…………  

Commenti

commenti