Home Cinema Anteprime Film Festa del Cinema di Roma, il 23 ottobre retrospettiva di Larraín al...

Festa del Cinema di Roma, il 23 ottobre retrospettiva di Larraín al Maxxi

Pablo_Larrain_director
Pablo Larraín

La Festa del Cinema di Roma (16/24 ottobre 2015) dedicherà una retrospettiva completa a Pablo Larraín, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico cileno. Curata da Mario Sesti, la rassegna si svolgerà venerdì 23 ottobre alle 19.00 al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo,  in collaborazione con l’Ambasciata del Cile. “La Festa del Cinema di Roma, insieme all’Ambasciata del Cile e al MAXXI con cui quest’anno si rinnova e rafforza la partnership, è particolarmente orgogliosa di essere la prima manifestazione internazionale a rendere omaggio ad un autore il cui cinema sembra affondare, con stupefacente sicurezza, come il bisturi di un prodigioso chirurgo, tra le viscere della vita”, spiega Sesti.

Pablo Larraín, 39 anni, con soli cinque film è diventato uno dei più interessanti filmmaker dell’ultimo decennio, con un modo di immaginare e realizzare il cinema decisamente unici. Il regista sarà a Roma per incontrare il pubblico e presentare la sua opera. Grazie a una trilogia di raro impatto visivo ed emozionale, l’autore cileno ha saputo narrare ascesa e declino della dittatura di Augusto Pinochet attraverso punti di vista inediti: da Tony Manero (2008), attraverso Post Mortem (2010), fino a No – I giorni dell’arcobaleno (2012), candidato all’Oscar® come miglior film straniero. Fin dal suo primo lavoro, Fuga (2006), è emersa la grande capacità di Larraín di produrre avversione ed empatia, sconcerto e rapimento, attraverso protagonisti e spazi dei suoi film. Una capacità che è rimasta inalterata fino a El Club (2015), suo lavoro più recente, che quest’anno ha ricevuto l’Orso d’argento a Berlino e rappresenterà il Cile ai prossimi premi Oscar®. Il film, che arriverà nelle sale italiane a novembre distribuito da Bolero Film, narra la storia di quattro sacerdoti che vivono insieme in una casa isolata in una piccola città sul mare: ognuno di loro è stato inviato in questo luogo per cancellare i peccati commessi in passato. Tutti vivono osservando un regime rigoroso sotto l’occhio vigile di una custode, ma la fragile stabilità della loro routine viene interrotta dall’arrivo di un quinto uomo dal passato oscuro.