Home News Francesca Casula, il segreto di una self-made Top-Model e show-girl ormai nota...

Francesca Casula, il segreto di una self-made Top-Model e show-girl ormai nota in tutto il Mondo.

In una società ossessivamente competitiva, in particolar modo dopo l’affermarsi mondiale e socialmente trasversale del web, di internet, dei social-network, riuscire ad emergere dalla massa e conquistare visibilità artistica e’ sempre più difficile e complicato.

12674201_1232620513418853_766379263_nIl fenomeno del virale ha il sapore quasi di una magia moderna, dove l’incanto di migliaia, talvolta di milioni di visualizzazioni su internet, sembra obbedire ad una bacchetta magica alla quel tutti gli Artisti vorrebbero possedere, in un Mondo dove la comunicazione e’ sempre di più diventata l’arma più importante per lavorare e per avere successo, soprattutto per un Artista.

Una giovane ragazza proveniente da una delle più belle isole del Mediterraneo, altrimenti famosa per la mancanza di lavoro e, appunto, di scarsa visibilità politico-mediatica, è riuscita nell’epica impresa di far parlare di se in tutto il Mondo.

E quando diciamo “Tutto il mondo” non e’ un eufemismo, ma la semplice verità.

La Top-Model è Francesca Casula, che, manager di se stessa, è riuscita a bucare milioni di schermi, di TV, di PC e di Smart Phones, senza apparente sforzo (come si potrà vedere da alcuni link riportati di seguito!).

Quale il suo segreto?

Volendo tentare una risposta, sembrerebbe che la sua splendida immagine abbia innanzitutto il dono della versatilità, quindi della capacita’ di piacere ad un ampio spettro di persone che amano la bellezza e l’Arte, che visitano quotidianamente diversi social-network e i tanti mezzi di comunicazione di cui oggi chiunque al Mondo dispone.

12696165_1232620450085526_2049784846_nEssere al contempo la ragazza della porta accanto, la fidanzata ideale, l’elegante segretaria di direzione, per rivelarsi infine una Top-Model da copertina, da rivista maschile o femminile, significa in sostanza non ricevere solo i complimenti dei fan su Facebook, ma anche l’interesse di tante ragazze come lei, un po’ per emulazione, un po’, perché no, per un pizzico d’invidia, per essere riuscita a dimostrare che dentro quel corpo da sogno, dietro quel sorriso enigmatico, si sviluppa e si crea un preciso progetto imprenditoriale e professionale che la sta portando a lavorare in giro per il mondo per le più importanti agenzie e per le più grandi produzioni artistiche internazionali.

 

Per ulteriori informazioni:

Francesca Casula

nonsolomoda2011@yahoo.it

 

 

A seguire le sue pagine social e alcuni dei link internazionali e nazionali che hanno parlato di recente della Top-Model Francesca Casula:

12696227_1232620050085566_781341970_n

https://www.facebook.com/FrancescaCasulaFanPage/info/?tab=page_info ;

https://www.facebook.com/francesca.casula.90 ;

https://www.ilprofumodelladolcevita.com/sky1-vi-raccontiamo-la-nuova-seria-tv-alla-quale-ha-partecipato-la-nostra-bellissima-francesca-casula-dal-titolo-hooten-the-lady/ ;

http://portalgoal.com/model-hot-ini-siap-bugil-jika-cagliari-naik-kasta-ke-serie-a/ ;

http://www.theladbible.com/articles/italian-model-will-get-naked-if-her-team-are-promoted ;

http://wallpaper.liveurlifehere.com/celebrities/italian-model-Francesca-Casula-Hot-photo.html ;

https://hello-pet.com/wow-model-cantik-ini-bakal-bugil-jika-cagliari-bisa-promosi-ke-serie-a-1517263http://soccer.sindonews.com/read/1054551/62/cagliari-naik-kelas-francesca-berikan-hadiah-penuh-nafsu-1445314694http://twicsy.com/i/mJNaVihttp://blitz.rmol.co/read/2015/10/26/222138/Francesca-Casula,-Nazar-Bugil-Kalau-Cagliari-Promosi- ;

http://topbola.net/model-cantik-italia-ini-siap-bugil-jika-cagliari-kembali-ke-serie-a/ ;

http://rajasthanpatrika.patrika.com/photo-gallery/italian-model-will-get-naked-if-her-team-1680.html ;

http://www.sportsdede.com.gh/2015/10/16/italian-model-ready-to-strip-if-cagliari-are-promoted/ ;

http://imagebolaku.blogspot.co.id/2015/10/francesca-casula-model-cantik-italia.html ;

http://www.osul.com.br/top-model-promete-fazer-striptease-na-rua-se-o-time-de-sua-cidade-subir-para-a-serie-a-do-campeonato-italiano/ ;

http://cekskor.com/news/read/79410#.VryemPnhDIU,;

http://m.bola.viva.co.id/news/read/689148-model-cantik-tampil–polos–jika-eks-klub-nainggolan-promosi ;

http://www.sportmediaset.mediaset.it/foto/sport-people/francesca-casula-mi-spoglio-per-il-cagliari-_1011479-2015.shtml?foto=1 ;

https://www.youtube.com/watch?v=AjZUy7p6UyE&feature=youtu.be ;

https://www.youtube.com/watch?v=r30zkgAz7m0 .

Sono un appassionato di cinema, e come tale, quando guardo un film, mi lascio trascinare dalla narrazione e dalla successione delle scene. Guardo il film con ingenuità percettiva, non condizionata e non inquinata da sovrastrutture e preconcetti culturali, che non siano ovviamente quelle della mia personale esperienza di vita con i suoi vissuti e le emozioni (gioie e dolori) che hanno caratterizzato la mia storia e delle quali certamente non posso spogliarmi. Quello che a me interessa, quando guardo un film, sono solo le emozioni che ho provato. Quello che poi cerco di raccontare è il messaggio che mi è arrivato, le emozioni che ho vissuto e “subìto”, il pathos che mi è stato trasmesso durante la visione del film. Il cinema è l’espressione artistica contemporanea più completa e straordinaria che l’uomo potesse inventarsi. E se un film è in grado di suscitare emozioni, allora quel film non ha età. Come non ha età un brano musicale, come non ha età un dipinto importante, come non ha età una scultura straordinaria. Chi potrebbe, infatti, mai dire ascoltando un brano dei Beatles che quella è musica superata? Chi potrebbe mai dire guardando un quadro di Van Gogh che quello è un dipinto antiquato? Chi potrebbe mai dire guardando “La pietà” di Michelangelo che quella è una scultura anacronistica? Il cinema, così come qualsiasi vera arte, deve essere svestito dell’elemento tempo e della componente commerciale usa-e-getta che gli hanno appiccicato addosso i grandi produttori, le potenti lobby dei distributori internazionali, e talvolta anche alcuni registi che puntano più al business che alla qualità del prodotto. Il concetto commerciale di “consumismo” non appartiene e non può avere nulla a che fare con l’opera d’arte, e quindi neanche con il buon cinema. I film che io commento non tengono conto dell’anno di produzione e non tengono conto del tempo che è passato dalla sua prima proiezione. Il mio “sguardo” non è certamente quello dell’esperto critico cinematografico professionista che, essendo un grande conoscitore di film, registi, attori, tecniche di montaggio, fotografia, costumi, etc… etc…, ed avendo visto migliaia e migliaia di film, ha inesorabilmente perduto la spontaneità e l'innocenza osservativa ed emozionale dello spettatore comune che va al cinema, o vede un film a casa, con il solo intimo obiettivo di provare delle emozioni e distrarsi dalla sua quotidianità e dalle sue preoccupazioni. Il critico, con le sue complesse ed erudite sovrastrutture cinematografiche, ha perduto la componente più spontanea che un uomo, un osservatore/spettatore, deve possedere: l'innocenza dello sguardo e la libertà di lasciarsi trascinare dalle emozioni che si sprigionano da un’opera d’arte e ti colpiscono dritto al cuore ed alle membra. L’arte è qualcosa che sta tra l’oggetto e la persona. Non si trova né nell’oggetto, né nella persona: ma si materializza emozionalmente nel loro reciproco incontro. Da questo punto di vista, i critici cinematografici sono imprigionati in griglie di lettura che li costringono ad una amorfa parcellizzazione e settorializzazione dell'opera d'arte cinematografica e, pertanto, non sono più in grado di vedere la componente emozionale olistica e al contempo gestaltica del film. Quello che io penso è che non dobbiamo “fidarci” dei critici cinematografici professionisti, ma dobbiamo imparare a fidarci di noi stessi, di quello che sentiamo quando vediamo un film. Ognuno di noi, che ama il cinema, dispone degli strumenti necessari per capire se un film è bello oppure no, se è un’opera d’arte oppure no. E lo strumento di cui disponiamo è la nostra mente e il nostro cuore: il film ci ha regalato delle emozioni forti e vivide? Se la risposta è sì, allora è arte cinematografica. Se la risposta è no, allora non è arte. E’ un’altra cosa. Andrea Giostra