Gli accessori indispensabili per lo studio del pianoforte

La pratica del pianoforte deve necessariamente essere accompagnata da tutta una serie di accessori che facilitino il compito e che costituiscono un indispensabile complemento all’apprendimento. Parliamo di quegli strumenti che non si può fare a meno di avere perché svolgono una funzione ben precisa all’interno del percorso di studio del pianoforte. Riportiamo una breve panoramica di tutti quegli accessori che vanno considerati come fidi compagni del proprio percorso di studio pianistico.

Proprio come un fido amico, uno dei primi accessori dell’apprendista pianista non può che essere il metronomo. Si tratta di uno strumento che aiuta soprattutto chi è alle prime armi a sviluppare e allenare il senso del tempo che è di fondamentale importanza per qualsiasi esecuzione musicale e per il pianoforte in particolare. Grazie al suo ticchettare ritmato il pianista ha un solido punto di riferimento che gli consente di non smarrirsi durante le esercitazioni. Mentre si lavora sulle basi della musica quindi sulla dinamica, il ritmo, l’articolazione ecc. bisogna obbligatoriamente avere un tempo regolare. Andare a tempo è di fondamentale importanza sia che si suoni da solo che all’interno di un un gruppo di musicisti. Questo perché c’è solo una cosa che dà più fastidio delle note sbagliate e sono proprio le note fuori tempo. Una immagine efficace che ben illustra l’importanza di questo strumento per chi pratica il pianoforte è quella che stabilisce un parallelo tra suonare con o senza metronomo e guidare in autostrade con gli occhi aperti o bendati.

Procedendo, in ordine di importanza, nell’ambito degli accessori indispensabili alla pratica pianistica, si deve considerare la scelta di uno sgabello di qualità. Tale scelta viene spesso sottovalutata, invece, avere una seduta di qualità è importante per il pianista quasi quanto avere uno strumento efficiente e performante. Non bisogna dimenticare, infatti, che dalla sgabello dipende uno degli spetti più rilevanti quando si parla di esercizio al pianoforte ovvero la postura e, di conseguenza, il rilassamento e la possibilità di passare con il giusto comfort un certo numero di ore difronte alla tastiera. Se si ritiene di volersi impegnare nello studio musicale in maniera seria e continuativa non si può certo fare economia su questo accessorio, anche perché in molti casi i modelli più economici con l’uso nel volgere di breve tempo si rivelano poco affidabili quando non necessitino di essere subito sostituiti. I migliori sgabelli, anche se inevitabilmente più costosi, sono le panche con meccanismo idraulico in materiale metallico, questo evita fastidiosi cigolii e grazie alle leve laterali è possibile, tramite il funzionamento a gas, regolare velocemente l’altezza, senza dover agire a lungo su manopole sfinendosi proprio prima di suonare.

Nel caso si possieda un pianoforte verticale o digitale, un altro accessorio che non può mancare è una custodia protettiva che preservi lo strumento in maniera adeguata. Un pianoforte è un oggetto prezioso che merita tutte le attenzioni e i riguardi del caso. Uno dei peggiori e più infidi nemici della salute dello strumento è proprio la polvere che quando è troppo spessa può insediarsi ovunque andando a inficiare significativamente la qualità del suono dello strumento a corde.

Concludiamo questa rapida rassegna degli accessori che aiutano lo studio del pianoforte con quello è forse meno indispensabile ma che si rivela in ogni caso di grande utilità: la lampada. Anche in questo caso si tratta di un aspetto che, se curato, va ad incidere positivamente sul proprio comfort e quindi sulla resa e facilità dello studio. Una fonte di illuminazione che sia indirizzata bene e illumini adeguatamente spartiti e tastiera aiuta a conservare la concentrazione e evitare perdite di tempo e diottrie. Utilizzando una buona lampada si legge meglio lo spartito, si spreca meno energia elettrica e dal momento che le lampade da piano son generalmente anche belle a vedersi, si aggiunge un tocco di stile al proprio arredamento.

Commenti

commenti