hotel_transylvania_two_ver4_xlgSono tornati gli irresistibili mostri protagonisti dell’Hotel Transylvania.

Il primo episodio, nei cinema nel 2012, aveva visto l’arrivo degli umani nel mondo dei mostri e la nascita della storia d’amore tra Mavis, la figlia di Dracula, e Johnny, umano, ma perfettamente a suo agio nell’Hotel.

Il sequel, in Italia al cinema dall’8 ottobre 2015, con le voci di Claudio Bisio per il Conte Dracula, Cristiana Capotondi per Mavis e Paolo Villaggio per l’ultracentenario vampiro Vlad, vedrà la squadra al completo alle prese con un nuovo misterioso arrivato.

Nuove avventure per il Conte Dracula, sua figlia Mavis, i coniugi Frankenstein, la famiglia di lupi mannari composta da Wayne e Wanda, Murray la mummia e Griffin, l’uomo invisibile.

L’Hotel Transylvania ha ormai aperto le sue porte agli ospiti umani tanto da ospitare, proprio all’inizio del secondo episodio, il matrimonio tra Mavis e Johnny che unirà definitivamente le due famiglie.

Con il matrimonio arriva anche una novità: il piccolo Dennis.

Nonno Drac spera di aver passato al piccolo i suoi geni e i suoi canini succhiasangue, anche perché Mavis, qualora Dennis si rivelasse prevalentemente umano, minaccia di trasferirsi con il marito e il figlio in California per crescerlo fra i sui simili.

Mentre Johnny fa scoprire a Mavis la California e il mondo degli umani, Dracula, preoccupato per il nipotino, metà umano, metà vampiro, che non sta ancora mostrando i segni che contraddistinguono un vampiro, arruola gli amici mostri per una full immersion nel mondo dei cattivi organizzando un percorso di iniziazione vampiresca.

Ritroviamo mostri che hanno ormai conquistato gli umani e sembrano aver perso l’abitudine di spaventare: non sono più cattivi e paurosi come una volta, anzi, tutt’altro.

I tentativi per far emergere il vampiro che si nasconde nel piccolo Dennis sono tanto esilaranti quanto però inutili. Ci proverà infine anche il vecchissimo e temutissimo Vlad, papà di Dracula, mostro vecchia scuola.

Gag che fanno ridere di gusto senza mai perdere il filo della narrazione. Hotel Transylvania 2 continua ad esplorare la complessità di un rapporto tra un padre e una figlia ormai indipendente aggiungendo il tema della tolleranza tra diverse etnie.

 

Simona Albertini

Commenti

commenti