Home Tv Il 2020 seriale: tanti titoli e un recupero necessario

Il 2020 seriale: tanti titoli e un recupero necessario

Il 2020 seriale: tanti titoli e un recupero necessario

IL 2020 SERIALE: TANTI TITOLI FRESCHI E UN RECUPERO NECESSARIO

L’anno volge al termine e forse è giunto il momento di fare una piccola operazione di riepilogo per quanto concerne i titoli delle serie TV  usciti nel corso di questo 2020 e di quelle che ancora devono arrivare, proprio allo scadere del gong.

Scriviamo queste righe proprio per questa ragione: nel caso vi foste persi qualche titolo, oppure abbiate bisogno di segnare quanto avete già visto, siete nel posto giusto.

Non solo, però: l’anno non è ancora finito, quindi, come dicevamo, sarà meglio guardare avanti e prepararsi per le uscite di dicembre.

QUELLO CHE FORSE ABBIAMO GIA’ VISTO

Partiamo con ordine: cosa abbiamo già potuto vedere, comodamente acciambellati sul nostro divano, nel corso del 2020?

Se le attività in Rete sono la vostra passione, forse avrete già attinto a piene mani alle mille possibilità messe a disposizione da questo strumento, come i giochi su VSO Italy, per esempio: del resto, come potremmo ignorare la possibilità di giocare gratis ai migliori titoli di slot machine al mondo? Impossibile. E impossibile sarà non trovare una macchina che faccia al caso nostro, dato che avremo a disposizione anche la slot a tema Game of Thrones! Ore di puro divertimento, dalla comodità di casa vostra, senza spendere un soldo. Oppure potreste essere appassionati giocatori di Fortnite, capaci di raccogliere risorse a non finire, costruire armi e ideare trappole assieme ai vostri amici. Se sapete di cosa stiamo parlando, sicuramente sarete sul pezzo anche per quanto concerne una serie che ancora non ha una slot dedicata, ma chissà: parliamo di Ratched. Triller psicologico ambientato nell’america del 1962, questo titolo prende le mosse da un personaggio secondario dell’acclamato romanzo “Qualcuno volò sul nido del cuculo” e parla delle cupe vicissitudini dell’infermiera che dà il nome alla serie.

Un titolo da recuperare qualora ce lo fossimo persi, o da ricordare negli anni a venire nel caso avessimo già avuto modo di guardarlo.

Restando su Netflix, non citare La regina degli scacchi potrebbe essere un piccolo crimine: se non l’avete ancora vista, mettetevi in pari perché per diversi giorni in Rete pareva non si potesse parlare d’altro. Recuperarla sarà velocissimo, dato che parliamo di una miniserie di sette puntate costruite in modo magistrale: si narra la vita di Beth, bambina prodigio quando si trova davanti a una scacchiera, che si trova a dover lottare contro una pesante dipendenza da alcol e da psicofarmaci nel corso della sua giovinezza. Ambientata tra gli anni ’50 e gli anni ’60, questa serie fa per voi se amate una costruzione avvincente della trama, una qualità attoriale elevata e siete appassionati di fotografia (e di scacchi, ovviamente).

Parliamo ora di un titolo che ha fatto molto discutere: la serie italiana Curon. Le potenzialità per diventare un classico della serialità c’erano tutte, dato che si parla di un luogo colmo di fascino e di potenziale mistero e di una storia tutta basata sul celebre tema del “doppio”; purtroppo non è andata come sperato dagli autori, date le critiche non propriamente entusiastiche del pubblico. Sarà per la prossima volta, forse.

Appassionati di fantascienza, unitevi! Stiamo per cambiare piattaforma, dirigendoci con passo sicuro verso Amazon Prime per nominare una serie che è quasi certo che non vi siate persi: Star Treck: Picard. Il grande ritorno dell’ex ammiraglio della Flotta Stellare -ed ex capitano della USS-Enterprise-D ed E- Picard, in grado di strapparci una piccola lacrima di commozione se siamo fan devoti delle avventure ideate da Gene Roddenberry nel lontano 1966. Un’avventura spaziale che non possiamo rischiare di perderci, sepolta nel futuro 2399.

JOLLY “RECUPERONE”

Sì, abbiamo parlato delle nuove uscite di questo 2020, ma questo è stato anche l’anno delle elezioni presidenziali americane e forse non abbiamo ancora ben chiaro come possano funzionare le cose all’interno della Casa Bianca: niente paura, c’è un recupero che potrebbe fare al caso vostro. Parliamo di The West Wing, una serie TV la cui prima stagione è andata in onda nel 1999, creata da quel gran capoccione di Aaron Sorkin (The Newsroom, Il processo ai Chicago 7). Puntata dopo puntata, avrete modo di seguire tutto ciò che vede coinvolto il Presidente degli Stati Uniti e il suo staff: tanti argomenti, tagli interessanti e dialoghi brillanti, questi i tre argomenti di un recupero coi fiocchi.

LE USCITE DI DICEMBRE

Se i nostri occhi sono ansiosi di guardare a dicembre, parliamo delle prossime uscite: Penny Dreadful: City Of Angels è quello che ci vuole se preferiamo delle festività a tinte horror. Lo spin-off della famosa serie torna a terrorizzarci con un ritorno tra i volti dei protagonisti: parliamo di Natalie Dormer, qui nei panni di Magda, demone mutaforme che non mancherà di terrorizzare tutto il terrorizzabile. Data d’uscita, 5 dicembre.

Attenzione a tutti i malati di Ostalgie: segnatevi l’11 dicembre sul calendario, perché sarà la data di rilascio di Deustchland 89, che continua la saga iniziata nell’83 e proseguita nell’86. Colonna sonora da urlo e sceneggiatura da Oscar, a partire dalla caduta del Muro di Berlino in poi.

Vi invitiamo, qualora foste interessati, a dare un’occhiata alle recensioni delle serie TV del 2019.

Come abbiamo visto, si è trattato di un anno davvero molto caldo, almeno serialmente parlando: titoli per tutti i gusti, recuperi a tema e prossime uscite da leccarsi i baffi!