Home Cinema Kristen Stewart è Lady Diana nel film di Pablo Larrain “ Spencer...

Kristen Stewart è Lady Diana nel film di Pablo Larrain “ Spencer “

Basato su un soggetto di Steven Knight questo film di Pablo Larrain narra la storia di Lady Diana, Lady D, una principessa che  era entrata nel cuore di una favola ma che l’aveva rifiutata, scegliendo di non diventare regina per non rinunciare a se stessa.

Diana coraggiosa e ribelle, Diana che prende in mano il suo destino e rompe tutti gli schemi, rifiuta le liturgie soffocanti di un mondo che l’aveva imprigionata in un sogno fasullo e destruttura il mito della corona.

Una donna generosa e amatissima, sofisticata e pop, coraggiosa e vulnerabile, che esce dalla corte reale ed entra nel mito per diventare icona universale ed emblema di modernità.

Il matrimonio fra la Principessa Diana e il Principe Carlo è in crisi da tempo: malgrado le voci di presunti flirt e  di un imminente divorzio, la famiglia reale cerca di preservare la pace in vista delle festività natalizie, tradizionalmente trascorse dai reali nella proprietà di Sandringham: sono giorni in cui si mangia, si beve, si spara e si va a caccia; sono però anche i giorni cruciali della scelta non più negoziabile perchè Diana conosce le regole del gioco  ma questa volta ha deciso. Quest’anno non sarà come gli altri e niente sarà più come prima.

Kristen Stewart, assolutamente fisicamente somigliante a Lady Diana, è la protagonista di un film, “ Spencer “ che immagina ciò che potrebbe essere successo nei tre giorni di soggiorno della famiglia reale a Sandringham House raccontandone il decorso tra il serio ed il faceto ed evidenziando le abitudini ormai obsolete descrivendone l’ambiente ovattato, le falsità, la mancanza di vitalità in ogni cosa che accade all’interno dei rituali fatti di etichetta e di ridicole, ormai, consuetudini che regolamentano finanche i cambi di abbigliamento durante il corso della giornata.

Lady Diana è, in effetti, tutt’altro; vuoi per carattere, per modernità che supera i bacchettoni dell’ambiente regale che non sopporta, al punto che l’intero apparato le è contro, dalla regina all’ultimo servitore.

Certamente, questo attesissimo film già proiettato a Venezia intende, per mano di Larrain, posizionarsi tra noi di oggi e la memoria della lady più odiata dalla corte; e lo fa con l’utilizzo di una meravigliosa, delicata fotografia che fa apparire la storia non come la descrizione di fatti realmente accaduti ma come un sogno del cui effettivo svolgimento non riusciamo a renderci conto per quanto appaiano irreali.

Insomma, il film è la narrazione, quasi la cronaca, di una libertà condizionata dalle buone e false maniere, da spazi limitati seppur ampi, da una profonda solitudine rotta solamente dai sinceri ed aperti, vorrei dire “ moderni “, rapporti con i suoi due figli ai quali dedica, per quanto può, la sua vita di donna e di madre, rasentando, per le privazioni che si impone, la bulimia.

L’ombra dell’amante del marito, Camilla, è pesante e grava su di lei come una spada di Damocle, un peso che Carlo non contribuisce affatto ad alleviare e che, anzi, sottolinea in vari modi regalando, ad esempio, a lei ed a Camilla gli stessi oggetti come quella collana di perle che è costretta ad indossare e che appare agli occhi di Diana come un cappio mortale del quale vorrebbe servirsi per morire.

Allo spettatore la solitudine di Lady Diana Spencer appare provocata da “ ragioni di Stato “, quelle stesse ragioni che un’altra regina che l’ha preceduta, Anna Bolena, la inducono a convivere con l’ombra di quest’ultima sia quale donna tradita che come regina spergiurata pubblicamente.

I numerosi personaggi a latere della Kristen Stewart protagonista contribuiscono non poco a rendere l’idea di una corte inglese bacchettona ed egoista, fossilizzata su antiche tradizioni ormai superate ed in un certo senso a giustificare l’interesse del regista su un personaggio che, amato dal popolo, è invece inviso a Sua Maestà, al marito ed a tutta l’ampia gamma che fa da corona ad un ambiente polveroso che origina un film assolutamente interessante, mai oltre i limiti di quanto intende raccontare e che avvince lo spettatore per la storia narrata, per la fotografia, per le sottigliezze degli atteggiamenti dei singoli personaggi che ampiamente contribuiscono alla riuscita di un film che certamente farà parlare e discutere.