chioma di berenice

chioma di berenice

PREMIO INTERNAZIONALE CINEARTI “ LA CHIOMA DI BERENICE “ LA XVI EDIZIONE NELL’AMBITO DEL FESTIVAL FILM DI ROMA
Il Premio internazionale Cinearti “ La Chioma di Berenice “, riconoscimento cha dal 2009 viene assegnato agli imprenditori artigiani operanti nel settore della bellezza e degli artisti dello spettacolo, si è svolto all’interno del prestigioso spazio del “ Capitol Club “ di Roma.
Con lo scopo di valorizzare e mettere sotto i riflettori di tutti quegli operatori che vediamo soltanto scritti nei titoli di coda di alcuni films, il Premio pone all’attenzione mondiale quei lavoratori imprenditori di se stessi che ogni giorno di più affrontano rischi per la sopravvivenza del loro lavoro sia pure essendo notevolmente considerati all’estero per le loro eccezionali ed indiscusse prestazioni.
Quest’anno le candidature al Premio sono state individuate dai 103 vincitori delle precedente edizioni dello stesso Premio ed il venti ottobre scorso la Giuria presieduta da Giuliano Montaldo e composta da Graziella Pera, Filippo D’Andrea, Giancarlo de Leonardis, Manlio Rocchetti, Lorenzo Baraldi, Gianna Gissi, Carlo Freccero, Amedeo Badini Confalonieri e Caterina D’amico ha materialmente consegnato i riconoscimenti ai 15 vincitori individuati; oltre ai quindici, la Giuria ha assegnato premi speciali al miglior acconciatore ed al miglio truccatore cinematografico che hanno operato nella selezione dei film in concorso al festival del Film di Roma 2014.
L’edizione di quest’anno è particolarmente dedicata alla promozione all’estero ed alla internazionalizzazione delle imprese italiane operanti nella filiera delle maestranze cinematografiche e, in particolare, sono stati creati un brand ad hoc ed un portale web allo scopo di farli diventare vetrina permanente per chi opera nel settore cinematografico; all’iniziativa intrapresa partecipano 14 aziende artigiane e 5 giornalisti di testate specializzate selezionati negli Stati Uniti dall’ICE – Agenzia i quali saranno successivamente in visita alle aziende italiane interessate dalla selezione.
Ben cinquanta le candidature nelle due sezioni che compongono il Premio ( sezione Cinema e sezione Fiction ); ogni sezione è relativa ad attività nelle quali si sono distinti i migliori acconciatori, i migliori truccatori, i migliori costumisti, i migliori scenografi, i migliori compositori di musiche e di colonne sonore.
La serata della premiazione, presentata da un Massimo Lopez in forma strepitosa ed alla quale hanno partecipato una innumerevole quantità di ospiti, alla presenza di un pubblico attento ed appassionato, è stata caratterizzata dall’atmosfera di speranza che aleggiava nei presenti, molti dei quali direttamente interessati alla auspicata evoluzione del settore; tra i presenti Giuliano Montaldo, Giovanni Veronesi, Pif, Daniele Liotti, Alessandro Haber, Pino Quartullo, la sempre splendida ed elegante Milena Vukotic, il protagonista de “ Il Capitale Umano “ Guglielmo Pinelli, Carlo Freccero, Enzo Miccio e numerosissimi altri.
I premi sono andati a:
– Per la sezione Cinema a Enrico Iacoponi per il miglior trucco, a Giorgio Gregorini per le migliori acconciature, a Bettina Pontiggia per i migliori costumi, a Mauro Radaelli per la migliore scenografia, a Santi Pulvirenti per la migliore colonna sonora;
– Per la sezione fiction a Gabriella Trani per il miglior trucco, a Mauro Tamagnini per le migliori acconciature, a Enrica Viscossi per i migliori costumi, a Stefano Lentini e Niccolo’ Agliardi per la migliore colonna sonora, a Nello Giorgetti per la migliore scenografia;
– Premi speciali invece sono stati conferiti:: alla trasmissione “ Hollywood Party “ di Rai 3 ( Premio speciale del presidente della Giuria Giuliano Montaldo), a Giancarlo Del Brocco e Francesco Pegoretti, truccatore ed acconciatore della fiction “ Anna Karenina “; alla ditta Pieroni è stato infine assegnato il premio speciale CNA, Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa che ha promosso la manifestazione.
A seguire un appetitoso, delicatissimo buffet a base di napoletanità.

Commenti

commenti