Christian Petzold è il regista di questo film drammatico in CinemaScope che ha per interpreti principali Franz Rogowski e Paula Beer e che è stato già presentato alla Biennale di Venezia: la trama è tratta dall’omonimo romanzo di Anna Seghers che intende mettere a confronto due periodi tra loro uguali e, forse, contrari: lo scenario devastante della seconda guerra mondiale e quello che caratterizza l’ambiente politico attuale.

Georg è un rifugiato politico tedesco, un comunista che, giunto a Marsiglia ed in possesso di documenti compromettenti, tra i quali un manoscritto di uno scrittore che si è suicidato per paura di essere catturato, ha assunto il nome dello scrittore suicida.

L’incontro con una donna, Marie, in cerca del marito scomparso è per lui fatale perché si innamora della donna alla quale non vorrebbe confessare la sua doppia identità: la vicenda si sviluppa con una accurata descrizione dei luoghi nei quali confluirono, allora, quelli che si trovavano nelle stesse condizioni di Georg e di Richad oltre che di Driss, figure comprimarie a quelle dei due protagonisti e viene descritta con un pathos del tutto particolare che riesce ad evidenziare lo stato di continuo terrore, di sospensione dalla vita , di un continuo ed angoscioso vivere tra la vita e la morte.

Il paragone tra i due periodi storici descritti sopra consiste nell’evidenziare lo stato attuale di un risorgente nazionalismo e nel narrare gli orrori vissuti proprio nel periodo della seconda guerra mondiale, un paragone sottilmente descritto che riesce ad evidenziare come tutti gli uomini, in ogni tempo, siano soltanto “ fantasmi “ che in ogni momento possono ricomparire dimenticando in tal modo le tante lezioni che la storia dei secoli ci ha tramandato.

Altri interpeti, assolutamente non secondari, Godehard Giese, Maryam Zaree, Barbara Auer, Matthias Brandt.

Il film, del quale vi presentiamo il trailer, sarà in sala a partire dal prossimo 25 ottobre distribuito da Academy Two

Commenti

commenti