“La musica è finita, gli amici se ne vanno…”: Sanremo2019 ci manca già

Premio Città di Sanremo

“La musica è finita, gli amici se ne vanno…”: Sanremo2019 ci manca già. 

Come una bella festa, un bel libro o un bel film, dispiace sia finita l’edizione 69ma di questo Festival di Sanremo. Mai come in questa edizione, siamo rimasti svegli fino alla fine, fino all’ultima nota, senza sforzo. Ma ancora di più si può dire di avere imparato molto: imparato ad ascoltare. Sì, perchè ascoltare generi musicali dversi da quelli “comodi” a cui si è abituati, è sempre un arricchimento.

Ancora di più mi piace condividere una considerazione personale ma, a quanto pare, condivisa. Questo festival ha incuriosito e appassionato i teenager, creando dopo anni, un’armonia famliare che era impensabile in altri festival (raggiungendo oltre il 56% di share). Generazioni diverse si sono ritrovate accomunate davanti al Festval, imparndo che il rap è bello, che i giovani hanno grandi valori. I Teen hanno imparato che non tutto ciò che è adulto è superato, anzi.

Se l’obiettivo del “dirottatore artistico” era quello di creare ARMONIA, di certo lo ha raggiunto. Non certo nelle classifiche, nelle polemiche che fanno parte degli ingredienti di Sanremo, fano pate del gioco. Ma non si può negare che ogni singolo artista in gara ha portato sul plco tutto se stesso, con un impegno degno delle Olimpiadi. Armonzzare mondi e generazioni diverse è un risultato che va oltre ogni aspettativa, con un unico strumento la: musica.

Lo abbiamo visto nelle esibizioni, alla serata finale molti artisti erano senza voce, stremati dalle performance, a sottolineare quanto abbiano messo tutto in una gara che, nonostante la rivalità sana, hanno dimostrato di meritare di essere sul palco più importante per la musica italiana.

Onore al merito e al coraggio di Claudio Baglioni che ha avuto la forza di cambiare le regole, rinnovandole. Il coraggio di fare un grande Festival puntando solo sulla musica italiana. Senza cercare l’appeal degli ospiti internazionali, ospitando i grandi della musica italiana che proprio a Sanremo sono nati e sono arrivati ad essere noti nel mondo.

Al di là della classifica finale che ha premiato Mahmood, Ultimo e Il Volo (rispettivamente primo, secondo e terzo), ci sono altri tre vincitori morali, altrettanto

#Sanremo69 Loredana Bertè

importanti: Simone Cristicchi, Daniele Silvestri e Loredana Bertè. La poesia di Cristicchi è arrivata davvero a tutti, forse per il bisogno di far pace con se stessi. La riflessione amara ma vera di Silvestri che ha ricevuto il Premio della critica, ha sfondato il muro che divide gli adulti dai figli, abbandonati davanti a uno schermo e poi “curati”… E Loredana Bertè che ha rcevuto il sostegno del pubblico che ha protestato all’Ariston conme non era mai accaduto. Avrebbe meritato certamente un premio, per la grinta e per la voce graffiante, una sferzata di energia che a 68 anni è capace di stare sul palco come fosse una giovane rocker.

Come non ringrziare Claudio Baglioni per averci regalato una festa così bella, aspettando l’invito alla prossima edizione sotto la sua direzione.

Sanremo 2019 Premio Città di Sanremo

Premiato con il premio Città di Sanremo.

 

 

Commenti

commenti