La versione restaurata del film-culto diretto da Lina Wertmüller nel 1975, Pasqualino Settebellezze, curata dal CSC Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale aprirà il Festival degli dei che si terrà a Bologna dall’1 al 12 luglio prossimi.

La proiezione della pellicola, in anteprima assoluta italiana grazie alla collaborazione con il Cinema Ritrovato della Cineteca di Bologna avverrà alla presenza di Maria Zulima Job, figlia della regista, alla quale venne poi assegnato il Oscar Lina Wertmüller, ed a Lodo Guenzi de “ Lo Stato Sociale “, insieme al regista Antonio Pisu, Tiziana Foschi e Greg del duo comico Lillo e Greg.

La seconda edizione del festival cinematografico itinerante che ripercorre la nota Via degli Dei, uno dei più bei cammini d’Italia che congiunge Bologna e Firenze sul tracciato della Flaminia Militare, un’antica viabilità storica costruita nel 187 a.C. si svolgerà attraversando il suggestivo itinerario che si inerpica lungo l’Appennino Tosco Emiliano toccando, nell’ordine i Comuni emiliani di Sasso Marconi, Monzuno, Monghidoro, San Benedetto Val di Sambro, Grizzana Morandi e Gaggio Montano e poi quelli toscani di Firenzuola, Barberino di Mugello e Scarperia e San Piero.

L’edizione 2019 del festival di avvarrà quest’anno della direzione artistica di Enrico Magrelli insieme a Rosetta Sannelli e la proiezione del film della Wertmuller si terrà in Piazza Maggiore grazie alla collaborazione con la Cineteca di Bologna diretta da Gian Luca Farinelli ed all’impegno economico di Genoma Films di Paolo Rossi Pisu e con il contributo di Deisa Ebano Calzanetto.

La presentazione della versione restaurata del film è stata uno degli eventi di punta di Cannes Classic all’interno dell’ultima edizione del Festival di Cannes 2019. Pasqualino Settebellezze valse a Lina Wertmüller la prima candidatura all’Oscar come regista nel 1976, mentre quest’anno riceverà il prestigioso Oscar alla carriera. A fare le veci della nota regista all’apertura del festival a Bologna, sarà presente la figlia Maria Zulima Job,che accompagnerà la madre a Los Angeles ad ottobre per il ritiro del premio e per le celebrazioni organizzate da Genoma Films e dalla Cineteca Nazionale.

Obiettivo del FESTIVAL DEGLI DEI è di portare il cinema nei luoghi dove spesso non arriva a causa dell’assenza fisica delle sale cinematografiche; oltre a ciò il Festival vuole promuovere, proprio in questi luoghi di rara bellezza che riflettono le tradizioni culturali uniche delle loro Città Metropolitane, la Bologna Medievale e la Firenze dei Medici, il fenomeno del cineturismo e la riscoperta eno-gastronomica di uno dei territori più belli e incontaminati d’Italia. Valorizzare anche il territorio attraverso il cinema sarà il fil rouge del Festival, attraverso un percorso che si fa metafora di un viaggio fisico, mentale e sentimentale.

Il progetto, realizzato dall’Associazione Kinéo con Genoma Films, si inserisce nella volontà delle città metropolitane di Bologna e Firenze, sostenute dall’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese e dall’Unione Montana del Mugello, di valorizzare questo specifico territorio ed è patrocinato dalla Regione Emilia Romagna, dalla Cineteca di Bologna e dalla Camera di Commercio di Firenze.

Commenti

commenti