Serata eccezionale quella di martedi 21 alla Casa del Jazz di Roma, in Viale di Porta Ardeatina 55: Danilo Rea, pianista particolarmente versatile che insieme a Massimo Moriconi ed Alfredo Golino hanno inciso per Warner Music Italia “ Tre per una “ insieme alla fantastica Mina suonando un po’ di tutto, dal jazz al rock al fusion per arrivare finanche al tango; una serata del tutto, dedicata, ancora una volta, a Mina ed al suo immenso repertorio.

Il concerto che si terrà alla Casa del Jazz vuole essere un omaggio alla cantante di Cremona ed alla sua immensa creatività  che i due musicisti, uno campione del pianoforte e l’altro, un re della batteria a livello europeo, intendono ancora una volta esaltare, anche con riferimento ad una serata analoga svoltasi a nella città natale di Mina dopo la quale nacque l’idea fortunata di dare vita ad un album dal carattere insolito e dalla una trascinante forza espressiva.

Il contenuto dell’album è appunto la traccia del concerto che la Casa del Jazz ospiterà martedi 21 alle ore 21, un concerto assolutamente particolare condotto da una insolita voce narrante, quella di Massimilano Pani, figlio della cantante, arrangiatore e produttore dei suoi dischi: dalla voce di Massimiliano avremo il piacere di sentirraccontare aneddoti e particolari di vita vissuta concretizzatisi all’interno e fuori dei vari studi di registrazione e nel mondo della musica in genere.

Un’occasione unica, attesissima, da non perdere per la grande valenza artistica del trio del quale Mina sarà la vera e propria invitata di pietra.

Relativamente alle interpretazioni di Mina e con riferimento all’album “ Tre per Una “, Massimiliano ha dichiarato: ”………. “Mina è diventata negli anni l’interprete di riferimento per molti generi e stili musicali, più di ogni altro artista prima di lei. Per poter raggiungere il suo obbiettivo, ha intuito molto presto che aveva bisogno di musicisti che avessero il suo stesso approccio alla musica. Mina è stata la prima a ricorrere a musicisti di estrazione jazzistica per suonare in dischi non necessariamente di jazz.. musicisti colti, ma eclettici, veri fuoriclasse capaci di calarsi nei diversi mondi musicali necessari. Alfredo Golino, Massimo Moriconi e Danilo Rea hanno suonato per Mina e registrato i suoi progetti musicali centinaia e centinaia di straordinarie takes sempre diverse e sempre coraggiosamente piene di musica di qualità.. un vero caleidoscopio di straordinarie registrazioni per la maggior parte in trio “live in studio”.

Jazzisti nell’anima, ma capaci di suonare ogni singolo pezzo di ogni genere nel modo giusto. Questo trio di straordinari performers è il nucleo base dei dischi di Mina. Sulle loro ritmiche poderose sono costruiti gli arrangiamenti, aggiungendo e armonizzando gli altri strumenti con le loro intuizioni guida.”

 

Commenti

commenti