Nell’ottica della sua attività di promozione del Cinema, L’Isola del Cinema, anche in termini di visibilità dei luoghi e del cineturismo, ha presentato presso lo schermo “ Tevere “ il canale di Loquis “RomaParlaCinema”, un canale dedicato che offre centinaia di podcast geo-localizzati che evocheranno le scene e le location dei film girati a Roma.

Loquis si può definire come un navigatore, una guida a portata di smartphone, in cui al posto delle direzioni stradali vengono proposte storie e notizie in 5 lingue sui luoghi che si stanno attraversando, come nel caso delle location cinematografiche.

Questo sistema è possibile grazie al posizionamento sull’Isola Tiberina di “segnaletiche parlanti” per ricordare alcuni film famosi, attraverso l’ascolto di brevi estratti audio degli stessi associati alle location dove sono stati girati. Attraverso un QR-code sarà possibile ascoltare gli estratti, conoscere la storia del film e scaricare l’app Loquis per continuare l’esperienza in giro per la città.

In occasione della presentazione si è svolto un walkabout condotto da Carlo Infante di Urban Experience con Bruno Pellegrini di Loquis, per ascoltare, nell’esplorazione partecipata, i frammenti dei film selezionati di #RomaParlaCinema e esplicitare le potenzialità dell’app.

Per poter ascoltare i passaggi dei film più conosciuti e che ci hanno fatto innamorare sarà sufficiente scaricare l’app, gratuita per iOS e Android, e lasciarsi accompagnare dalle voci.

Loquis concentra la sua attività su una location di Roma fortemente collegata al Cinema, come l’Isola Tiberina, dove sono stati girati film come “L’amore in città”, “Racconti romani” di Gianni Franciolini, “Donatella” di Mario Monicelli, “Arrivederci Roma” di Roy Rowland, “L’Avventura”, di Michelangelo Antonioni, “Scusi, lei è favorevole o contrario?” di Alberto Sordi, “Aprile” di Nanni Moretti, “Ricordati di me” di Gabriele Muccino e tanti altri.

Un’operazione possibile, quella della sinergia tra L’Isola del Cinema e Loquis, grazie al fatto di operare in una città ricca di paesaggi “cinematografici”, come è Roma, in cui l’Isola Tiberina, rappresenta un eccezionale set di cinema e palcoscenico di cultura.

 

 

Commenti

commenti