Atteso ritorno, dopo il successo della scorsa stagione, di  Michele La Ginestra con lo spettacolo da lui scritto a quattro mani insieme con Adriano Bennicelli e da lui stesso interpretato dall’affascinante titolo di “ E’ Cosa Buona e Giusta”.

Il lavoro  sarà in scena da venerdì 10 a domenica 19 maggio con un cast formato da ben 22 artisti tra i quali Andrea Perrozzi, Ilaria Nestovito, Alessandro La Ginestra, Andrea Palma e Alessandro Buccarella.

L’argomento è dei più attuali: tratta di “ Michele “ ( Don Michele ) che si trova alle prese con alcune attuali problematiche giovanili alle quali sa trovare risposta soltanto confrontandosi col passato.

I genitori di oggi, da ragazzi, hanno vissuto le stesse esperienze che stanno vivendo i giovani? Cosa è cambiato negli ultimi trent’anni? La tecnologia e la globalizzazione hanno sicuramente modificato il nostro modo di vivere, ma hanno anche stravolto quegli atteggiamenti utili per per affrontare i rapporti di amicizia, l’amore, i sogni nel cassetto, le prospettive lavorative?

Don Michele ragiona a voce alta, e, per cercare di chiarire il presente, si fa trasportare dai ricordi, dalla musica e dalle atmosfere del passato: la famosa saggezza derivante dall’esperienza può essere utile per districare la matassa, a chi quell’esperienza non l’ha fatta!

Oppure, semplicemente, questo mettersi a nudo, aiuterà a rompere una barriera generazionale tra genitori e figli, tra allenatori e allievi, tra docenti (professore di religione compreso) e discenti?

Ai posteri l’ardua sentenza.

 

Commenti

commenti