Montalbano conquista ancora: oltre il 40% di share per “Un covo di vipere”. il 6 marzo “Come voleva la prassi”, anticipazioni

Bergamasco e Zingaretti-Montalbano

“Un covo di vipere” e “Come voleva la prassi” due nuovi episodi che vedono il Commissario Montalbano alle prese con un tema molto particolare, l’amore estremo  quello che fa commettere un delitto. E, ancora una volta la squadra composta da Luca Zingaretti, il regista Alberto Sirani e l’autore Andrea Camilleri ha fatto centro: per ilprimo dei due nuovi episodi, andato in onda lunedì 27 febbraio su RAi Uno la fiction ha raggiunto oltre 10 milioni di telespettatori, conquistando la prima serata con uno schare del 40,6%.
Per il regista una sfida difficile, dover raccontare  storie parlano di amori tragici (nel primo tra zio e nipote, nel secondo tra fratello e sorella), vicende di personaggi perduti che sfociano nel delitto, senza “sconvolgere” il pubblico. In Un covo di vipere Camilleri guarda al tabù con uno sguardo del tutto nuovo, la storia d’amore tra padre e figlia è una vera storia d’amore, che lega sciaguratamente i due amanti senza possibilità di scampo.
Come rispettare un amore contro natura, come guardare a questo abisso senza sporcarlo con alcun moralismo?
“Ho cercato di guardare a questo amore senza scagliare la prima pietra, di sfiorare l’abisso con delicatezza, di avvicinare il pubblico per comprendere e non per condannare” ha spiegato il regista. Un compito difficile che però ha fatto sicuramente breccia nel cuore del pubblico che lo ha premiato con ascolti altissimi. “Sempre più spesso nei suoi romanzi Camilleri accompagna Montalbano fino sull’orlo dell’abisso, costringendolo a guardare il male assurdo che si nasconde nella follia dell’uomo.
Il regista insieme agli attori, agli sceneggiatori, al musicista…insieme a tutti coloro che creano le immagini e i suoni di un film, dà la misura a questo sguardo!” conclude Sironi.

Lunedì 6 marzo andrà in onda il secondo nuovo episodio: “Come voleva la prassi”, tratto dai racconti di ANDREA CAMILLERI, di seguito le anticipazione della trama.
“Come voleva la Prassi”: Il cadavere di una bella ragazza viene ritrovato nudo, con indosso solo un accappatoio intriso di sangue, sul freddo pavimento di un androne di via Pintacuda. Cosa ha spinto la ragazza a trascinarsi, esanime, fin lì dentro? Montalbano sospetta che la vittima sia una prostituta proveniente dall’Est Europa. E spera che i Cuffaro, che gestiscono il mercato della prostituzione a Vigata, isolino i responsabili di un crimine così efferato. Per tutta risposta, il commissario Montalbano diventa oggetto lui stesso di un attentato. Le indagini portano Montalbano a scovare tra i condomini non l’assassino, ma un complice, che ha assistito e ripreso con una telecamera, il festino in cui ha trovato la morte la ragazza, a cui hanno partecipato, mascherati ma riconoscibili, i notabili della zona. Durante l’indagine, Montalbano conosce un giudice in pensione, Leonardo Attard, che sta revisionando tutti i processi che ha celebrato, per essere sicuro di non essere mai stato condizionato nel giudizio dai problemi personali. Un incontro inquietante, che lo lascerà con molti interrogativi…

Nella Photogallery i protagonisti dei due episodi alla presentazione Rai.

Commenti

commenti