Nasce in Italia la prima Accademia per il Wedding, l’Industria del Matrimonio«L’accademia nasce dall’idea di creare un unico luogo di formazione in cui siano riunite le varie categorie di settore, in un mercato verticale come quello del matrimonio» – ci spiegano all’unisono le due – «Finalità dell’Istituto è portare chiarezza e garantire l’eccellenza in un ambito in cui troppo spesso i diversi ruoli non hanno chiari confini e le sovrapposizioni sono frutto di improvvisazione».

 La presentazione della prima “Wedding Industry Academy”, non poteva che essere accolta in uno dei luoghi esclusivi e trendy della Capitale, il Lounge Bar “Chez Moi“, a pochi passi da Piazza di Spagna.

Al Cocktail di presentazione della Wedding Industry Accademy numerosi personaggi del mondo dello spettacolo che hanno arricchito la serata. Tra questi: Jimmy Ghionecon l’attrice Daria Baykalova nonché sua compagna (prossimi alle nozze?), Benedetta Valanzano al settimo mese di gravidanza, le attrici Katia GrecoAurora Cossio e Maria Monsè che ha annunciato il suo imminente matrimonio, il quarto, con lo stesso compagno, la stilista Vanessa Villafane e l’attore Andrea Vico.

Ad accogliere gli ospiti le due padrone di casa: la flower designer di fama internazionale, Flavia Bruni, con esperienza ventennale nella didattica e autrice di libri in ambito floreale e l’eclettica Giulia Sonnino, giornalista e wedding plannerspecializzata nell’organizzazione di matrimoni di lusso e già docente del master in Event Management presso la Luiss Business School.

Queste due audaci imprenditrici hanno colto in maniera chiara l’esigenza di creare un unico istituto dedicato, in maniera verticale, alla formazione professionale di tutte le figure facenti capo all’”Industria del Matrimonio”. Hanno così unito il loroknowhow, fondando un istituto pluridisciplinare, dove a fare la differenza è la completezza dell’offerta formativa.

Con l’espressione “Industria del Matrimonio” ci si riferisce a un settore di cui fanno parte migliaia di aziende, che costituiscono una vera e propria filiera dedicata, in forte crescita, nonostante la diminuzione del numero di unioni convenzionali.

Si tratta di un mercato composto da una coraggiosissima miriade di piccole e micro imprese.

Tra le principali attività che operano in questo settore, organizzatori, location, catering,

fioristi, fotografi e numerose altre, che costituiscono un tessuto di addetti unico in Europa, capace di dar vita a un mercato da 7 miliardi di euro l’anno!

Ma, nonostante l’affermarsi negli ultimi anni di figure professionali dedicate, quali wedding planner e designer di eventi, ed il contestuale proliferare di numerosi corsi ad esse rivolti, mancava finora nel panorama nazionale una realtà che si ponesse come polo unico per la formazione di tutti quei ruoli che concorrono alla realizzazione di un evento di successo.

La W.I.A. infatti si presenta sul mercato come l’istituto con la più vasta offerta formativa in Italia nell’ambito Wedding.

Attraverso corsi di altissimo livello e una rosa di docenti selezionati in tutta Italia tra i più rinomati di ciascuna categoria, la mission dell’Academy è fornire a ciascuno gli strumenti idonei ad acquisire la giusta preparazione nel proprio ambito di competenza e creare un forte sistema di Network tra i diversi protagonisti di quest’industria. Tra i docenti che faranno parte dell’Academy, tanti nomi di primo piano: dall’event designer delle Celebrities Jean Paul Troili alla storica giornalista RaiMariella Milani, dalla bellissima attrice Michelle Carpente al Beauty Designer internazionale Raffaele Squillace, passando per tante altre figure eccellenti del panorama Wedding, come Paola Pettinelli, Elisa Guidarelli, Angela Orecchio, Diego Taroni, Paola Azzolina, Nico Celano, Andrea Tommasini, Yuliya Shevchenko, etc.

Numerosi i percorsi proposti: da quello per acquisire competenze come banquet manager al bridal imagine consultant, dai più originali dedicati al wedding dog-sitting paper flowers, ai più tradizionali per flower designer wedding photographer, passando ovviamente per i percorsi più propriamente legati all’organizzazione del grande giorno, come quello per divenire unwedding planner o event designer professionista.

Novità assoluta è il corso dedicato al giornalismo di settore, il cosiddetto wedding

journalism, una branca editoriale già molto affermata nella pratica, ma per la quale finora non esisteva uno specifico approfondimento didattico. E ancora, destination wedding planner, cerimoniere, light&sound designercake designer, etc…

Se è vero che non si finisce mai di imparare, la W.I.A. è senz’altro la risposta giusta per chi ambisce a livelli sempre maggiori di specializzazione, aggiornamento e condivisione.

Commenti

commenti