“Fatti avanti amore” è la canzone che Nek ha portato a Sanremo 2015 e che in qualche modo lo consacra tra gli artisti più amati del momento, momento che dura da venticinque ann e si accresce di generazione in generazione. Rimanendo sempre se stesso, Filippo Neviani, in arte Nek, ha conquistato tutti al Festival, portando sul palco una canzone “poco festivaliera” ma che arriva subito alla gente. Da subito, infatti, il brano più passato in radio e apprezzato dalla critica che gli ha conferito il Premio per il Miglior Arrangiamento. Un successo che lui spiega con una nuova consapevolezza, non la “maturità”, non gli piace sentirsi dire che è maturo, scherza, perchè è un po’ come dire che è invecchiato e lui proprio non si sente vecchio e a giudicare dalle numerosissime fan, ha ragione. La nascita del suo nuovo album la attribuisce a una maggiore coscienza di sè e ad un modo di affrontare la vita nuovo, di condivisione e di “prendersi per mano”, come dice nel testo della canzone: “Se un pianto ci fa nascere, un senso a tutto il male forse c’è…io sno pronto a vivere!” . Come spiega alla conferenza stampa al Palafiori, l’atmosfera che si respira nel festival di Carlo Conti è di collborazione e di partecipazione, un festival-continua Filipppo- che mai come quest’anno ha messo al centro di tutto la musica, riprova ne è stata anche la serata dedicata alle cover che proprio Nek si è aggiudicato cantando il brano di Mina, Se telefonando.Il dopofestival di Filippo si annuncia molto impegnativo visto che, oltre alla promozione e ai concerti, ha anticipato che sta registrando le sue canzoni in spagnolo. Il bel quarantenne di Sassuolo ha ancora tanta voglia di cantare con l’umiltà e la sensibilità che lo contraddistinguono.

Commenti

commenti