AIS Livorno, Podere Ugolino,

AIS Livorno, Podere Ugolino

Ultimamente era guerra aperta tra il celebre fotografo Oliviero Toscani e i veneti, da lui definiti “ubriaconi” nel corso di un suo intervento a “La Zanzara”, il programma di Radio24 condotto da Giuseppe Cruciani. La popolazione del nord est italiano aveva reagito con proteste che avevano invaso la rete ed alcuni erano arrivati addirittura a denunce penali, ma finalmente c’è stato un evento speciale che è riuscito a raffreddare gli animi e a riportare la pace tra i due contendenti:  domenica 31 maggio, nella meravigliosa cornice del Casone Ugolino, la Wine Farm di Bolgheri e della Costa Toscana, si è infatti tenuto “TWINE”, una degustazione di vini locali organizzata dall’Associazione Italiana Sommelier Toscana in collaborazione con la Delegazione di Livorno. All’evento hanno partecipato 49 produttori per un totale di 186 etichette, tra cui quelle prodotte da Oliviero Toscani nella sua tenuta di Casale Marittimo (PI).

Non poteva esserci occasione migliore per una delegazione di Veneti per scendere in Toscana, munita del migliore Prosecco DOCG medaglia d’oro prodotto dalla famiglia Masiero di Farra di Soligo, e celebrare così definitivamente la pace con Toscani con un brindisi gigante a base di Prosecco e di rosso della Toscana. Alla “cerimonia” hanno preso parte, tra gli altri, anche Gaddo della Gherardesca e Franco Malenotti, imprenditore di origini toscane che ha però la sua attività in Veneto e si è prodigato per questa operazione di pace. Il miglior rappresentante dei veneti è stato però l’assessore alla cultura e vicesindaco di Casale sul Sile (TV) Lorenzo Biotti, giunto alla manifestazione accompagnato da una folta delegazione di “intenditori” di vino veneti.

Nella foto, da sin: il Conte Gaddo Della Gherardesca, Franco Malenotti, l’assessore di Casale sul Sile Lorenzo Biotti e Oliviero Toscani

Commenti

commenti