Home News “Pinocchio and Friends”: da Venezia 78 a Rai Yoyo

“Pinocchio and Friends”: da Venezia 78 a Rai Yoyo

Immagine dal trailer ufficiale
Immagine dal trailer ufficiale

Alla 78ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, red carpet d’eccezione per questa nuova versione di Pinocchio, animata da Iginio Straffi e in onda su Rai Yoyo dal 29 novembre.

Immagine dal trailer ufficiale


La nuova versione animata di Pinocchio e il suo creatore Iginio Straffi (fondatore e presidente del gruppo italiano Rainbow, con cui ha ideato, tra l’altro, le fortunatissime Winx), hanno sfilato sul red carpet della Mostra di Venezia a meno di due mesi dal lancio televisivo della serie animata “Pinocchio and Friends”, che andrà in onda su Rai Yoyo con 26 episodi a partire dal 29 novembre.

Immagine dal trailer ufficiale



Straffi ha rivisitato una delle fiabe più amate di tutti i tempi, riprendendone i personaggi cardine e inventandone di nuovi, proiettando poi tutti in situazioni inedite, ricche di azioni, colori e sorprese.

 

Immagine dal trailer ufficiale

Guardando anche ad un altro classico, stavolta audiovisivo e contemporaneo, quale la saga di “Toy Story” della Disney Pixar, Straffi ha calato il capolavoro di Collodi nelle ricche potenzialità espressive del mondo contemporaneo. Ad emergere sono così, sorprendentemente, sia le nuove tendenze (culturali, gergali, sociali) del mondo dell’infanzia e della prima giovinezza sia l’essenza di ciò che ha reso, sin dalla sua prima pubblicazione, “Pinocchio” un racconto immortale, un intramontabile sogno ad occhi aperti.

Immagine dal trailer ufficiale



Il burattino più famoso del mondo vive con Straffi la propria prima trasposizione nell’action-comedy ed è pronto a conquistare il cuore dei più piccoli: Pinocchio, assieme alla sua amica Freeda e al Grillo Parlante, trascinerà il pubblico in avventure originali e sorprendenti.

Immagine dal trailer ufficiale



«Il nostro Pinocchio – ha dichiarato Straffi – parla ai bambini in modo moderno e spensierato, spingendoli a coltivare i loro sogni con storie ricche di colori, avventura e colpi di scena. Ci siamo divertiti a giocare con la fiaba creando situazioni in cui i bambini possono riconoscersi, ma sempre collegate ai personaggi e all’immaginario di Pinocchio. Pinocchio è il personaggio italiano più amato che sia mai stato creato nella letteratura fiabesca, e le radici del Gruppo Rainbow sono italiane. Oggi più che mai le esigenze dei bambini meritano le attenzioni degli adulti e Pinocchio è la più grande dichiarazione di amore verso l’infanzia ed i percorsi di crescita dei più piccoli. Ecco perché era giusto tornare a Collodi, attualizzando quello che era possibile rendere ancora più contemporaneo, di una storia che non invecchia mai».

Immagine dal trailer ufficiale



Il trailer di “Pinocchio and Friends” presentato al Lido:
https://youtu.be/bk_S656hzAQ
Il sito ufficiale:
https://www.pinocchioandfriends.tv/

Immagine dal trailer ufficiale


Rainbow SpA
Studio d’animazione fondato a Recanati nel 1995 da Iginio Straffi, presidente e amministratore delegato, Rainbow si è affermato come studio leader a livello globale grazie allo straordinario successo della saga Winx Club, celebre in tutto il mondo per contenuti, licenze e merchandising.

Immagine dal trailer ufficiale

Oltre all’ampio portfolio di IP di successo create, in oltre un quarto di secolo di crescita Rainbow ha acquisito lo studio Bardel Inc., più volte vincitore di Emmy Award®, per ampliare l’offerta servizi di animazione CGI e VFX, e ha acquisito la società italiana Colorado Film, per espandersi in produzioni live action di alta qualità. Creando e distribuendo IP originali per tutta la famiglia e raggiungendo oltre 150 paesi, Rainbow è sinonimo di eccellenza e creatività made in Italy e si colloca tra i Top Global Licensor al mondo con oltre 500 licenze attive.
Il sito: https://www.rbw.it/en/

Massimo Nardin è Dottore di ricerca in Scienze della comunicazione e organizzazioni complesse, docente universitario presso l'Università Lumsa di Roma e l'Università degli Studi Roma Tre, diplomato in Fotografia allo IED Istituto Europeo di Design di Roma, giornalista pubblicista, critico cinematografico, sceneggiatore e regista. È redattore capo della sezione Cinema della rivista on-line “Il profumo della dolce vita” e membro del comitato di redazione di “Cabiria. Studi di cinema - Ciemme nuova serie”, quadrimestrale del Cinit Cineforum Italiano edito da Le Mani (Recco, GE). È membro della Giuria di “Sorriso diverso”, premio di critica sociale della Mostra del Cinema di Venezia, e del Festival internazionale del film corto “Tulipani di seta nera”. Oltre a numerosi saggi e articoli sul cinema e le nuove tecnologie, ha pubblicato finora tre libri: “Evocare l'inatteso. Lo sguardo trasfigurante nel cinema di Andrej Tarkovskij” (ANCCI, Roma 2002 - Menzione speciale al “Premio Diego Fabbri 2003”), “Il cinema e le Muse. Dalla scrittura al digitale” (Aracne, Roma 2006) e “Il giuda digitale. Il cinema del futuro dalle ceneri del passato” (Carocci, Roma 2008). Ha scritto e diretto diversi cortometraggi ed è autore di due progetti originali per lungometraggio di finzione: “Transilvaniaburg” e “La bambina di Chernobyl”, quest'ultimo scritto assieme a Luca Caprara. “Transilvaniaburg” ha vinto il “Premio internazionale di sceneggiatura Salvatore Quasimodo” (2007) e nel 2010 è stato ammesso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali al contributo per lo sviluppo di progetti di lungometraggio tratti da sceneggiature originali; nell'autunno 2020, il MiBACT ha ammesso “La bambina di Chernobyl” al contributo per la scrittura di opere cinematografiche di lungometraggio.