Home Interviste Pippo Baudo, ad aprile ci aveva detto: “i dirigenti Rai sono un...

Pippo Baudo, ad aprile ci aveva detto: “i dirigenti Rai sono un po’ sordi”

Pippo Baudo
Pippo Baudo
Pippo Baudo

Pippo Baudo torna a reclamare il so posto in Tv, non vuole essere dimenticato o trattato come un “pensionato” e riparte all’attacco della Rai che non gli darebbe il giusto spazio. Riproponiamo alcuni passaggi di una nostra intervista (anche video) di alcuni mesi fa, in cui il “bravo conduttore” non solo dichiara tutto il suo rammarico per non avere più spazio sul piccolo schermo, ma dichiara di avere proposto diversi format alla Rai che però non sono stati presi in considerazione e ancora, si esprime molto sfavorevolmente sulle web Tv che, secondo Pippo Baudo, avrebbero un utenza limitata, mentre la Tv deve essere accessibile facilmente e da tutti. Insomma secondo Baudo non siamo ancora pronti all’era digitale.

INTERVISTA (video esclusivo)  29 aprile 2015 Interviste, Tv

“La TV è come il pane…”. Poi a sorpresa smentisce Katia Ricciarelli

Non si accontenta Pippo Baudo di fare il giudice, nel programma di Carlo Conti “Si può fare”, ha energia e voglia di fare ancora tanta Tv, ma “i dirigenti Rai sono un po’ sordi”, ci spiega: “ho presentato tanti progetti innovativi, perché dobbiamo acquistare i format e copiarli, quando da sempre abbiamo autori bravi? Dobbiamo tornare a Scrivere per la Tv se vogliamo fare ascolti importanti…”, continua il ‘Senatore della Tv’, che abbiamo incontrato al convegno in omaggio al Maestro Armando Trovajoli, organizzato dall’Ente dello Spettacolo e dall’Università La Sapienza di Roma. Tra il serio e il divertito poi, abbiamo chiesto a Baudo di confermare quanto dichiarato recentemente dalla ex moglie Katia Ricciarelli che, nonostante fosse gelosa delle belle donne che lo hanno sempre attorniato, è convinta di non essere mai stata tradita. La risposta sorniona di Pippo non si è fatta attendere…

 

Tra i suoi progetti c’è un altro Sanremo?

No, ne ho fatti ben 13, nessun altro farà mai altrettanti Sanremo…voglio guardare avanti, ma sempre come conduttore.

E’ tornato in TV con un ruolo inedito, da giurato…

Ringrazio Carlo Conti per avermi invitato, insieme ad Amanda Lear ci divertiamo a stuzzicarci ma il mio posto è un altro…Per me la Televisione è come il pane, è vitale!

Cosa manca alla Tv di oggi?Alcuni suoi colleghi, penso a Red Ronnie oppure Renzo Arbore, hanno puntato tutto sul web, creando una propria web tv, lei come vede il mondo del web?

Internet ha tolto molto alla televisione, ma per fortuna (sottolineo per fortuna) non tutti hanno il computer per vedere la Tv sul pc. La televisione deve essere alla portata di tutti…Quello che manca oggi sono gli autori, non abbiamo bisogno di comprare dei format e scopiazzarli. I talent, le serie i programmi, vanno bene ma c’è bisogno di idee…Con Costanzo, Magalli e tanti altri autori abbiamo fatto programmi che hanno fatto epoca. Oggi propongo nuove idee originali ma i dirigenti Rai son un po’ sordi…”

Pochi giorni fa, Katia Ricciarelli parlando del vostro lungo matrimonio, ha dichiarato in un’intervista Tv, di essere stata molto gelosa delle donne che aveva intorno, la controllava, la spiava, però è certa di non essere mai stata tradita nei 18 anni di matrimonio…

Si dice sempre così, quando una storia è finita…

 

di Rossella Smiraglia