220px-Emanuela_Orlandi_manifesto_2008Ad oltre trent’anni dalla ancora misteriosa scomparsa di una ragazza figlia di un commesso del Vaticano, Emanuela Orlandi, è in preparazione un film di Roberto Faenza che vuole raccontare una storia che sembrerebbe voler essere sepolta a tutti i costi: 2 giugno 1983 una ragazza di 15 anni sparisce dal centro di Roma e non farà più ritorno a casa: l’opinione pubblica è interessata fortemente alle indagini che tendono a ritrovarla ma nella rovente estate romana ben presto si capisce che la sparizione coinvolge diversi poteri forti, dal Vaticano alla Banda della Magliana fino a Mafia Capitale.
eorlandifotoIl film è l’occasione pratica per raccontare la piramide omertosa che dal momento del rapimento metterà in ginocchio la capitale: una vicenda con scabrose ramificazioni ancora attuali in un tessuto tipicamente italiano che coinvolge politica, criminalità organizzata e una parte della Chiesa.
La storia vera, che ancora attende di essere raccontata in tutti i suoi scabrosi particolari, è l’oggetto del film drammatico che avrà per interpreti Riccardo Scamarcio, Maya Sansa, Greta Scarano e con Valentina Lodovini, sarà nelle sale il 6 ottobre distribuito da 01 Distribution.

Commenti

commenti