Quanto è conveniente fare la spesa online?

Cresce il settore del food in Italia, soprattutto se si considera il comparto online, oggi sempre più apprezzato dai consumatori della Penisola. Stando ai dati pubblicati dall’Osservatorio eCommerce B2C del Politecnico di Milano, il settore avrebbe registrato una crescita considerevole: nel 2018 il comparto dell’e-grocery ha raggiunto un valore di poco superiore a 1 miliardo di euro, con un incremento del +34% rispetto al 2017. Un dato che dimostra la grande appetibilità del comparto della spesa su Internet, resa tale dai numerosi vantaggi proposti ai consumatori dello Stivale.

La convenienza della spesa online

I numeri registrati lo scorso anno testimoniano l’enorme successo del comparto del grocery digitale: un successo che si basa, come detto, su alcuni vantaggi non indifferenti per i consumatori. Al primo posto si trova la comodità di acquistare i cibi su Internet: basta semplicemente un collegamento al web e un browser, per poter trovare migliaia di prodotti alimentari a portata di click, sugli e-commerce di settore. Un altro vantaggio non da poco conto risiede nella grande convenienza economica di questo canale. Qui, infatti, c’è la possibilità di risparmiare parecchio approfittando in ogni momento di sconti dedicati, come nel caso delle offerte a marchio Coop presenti nella sezione riservata del sito web. Eppure i vantaggi non terminano qui, dato che un ulteriore punto a favore della spesa online è la possibilità di scegliere tra tantissimi prodotti, sicuramente in numero maggiore rispetto a quelli presenti nei comuni scaffali degli supermercati. Chiaramente poi tutti questi benefici ne comportano altri di natura diversa, come nel caso del risparmio in termini di tempo, oltre che di fatica. La rapidità d’acquisto, infatti, è accompagnata anche dalla possibilità di consultare con attenzione le etichette dei prodotti, un’operazione fondamentale troppo spesso trascurata per mancanza di tempo. Infine, non bisogna dimenticare che il web offre anche la possibilità di risparmiare attraverso la comparazione dei prezzi.

 

Perché alcuni consumatori sono ancora riluttanti

Come accade per molti fenomeni della nostra epoca, spesso accade che si creino delle vere e proprie fazioni: succede anche con la spesa online. Da un lato si trova, infatti, chi l’ha provato e ormai non può più farne a meno, dall’altro c’è chi ancora non si fida. Molti consumatori, soprattutto tra le fasce d’età più alte, sono ancora restii a fare la spesa e in generale lo shopping online, per vari motivi. Intanto perché dubitano della sicurezza dei pagamenti e dei trasferimenti di denaro dalle pagine di checkout: la paura è quella delle frodi legate all’uso della carta di credito sul web. Al punto che l’83% dei consumatori tricolori preferisce il contante. Però va detto che oggi è possibile evitare questo rischio, ad esempio usando metodi di pagamento come PayPal, se il sito lo consente. Anche il controllo dei prezzi è un buon indicatore per scovare i possibili problemi: quando il costo è molto più basso rispetto alle medie, vuol dire che o si tratta di una truffa, o di un articolo contraffatto. In secondo luogo, è sempre meglio affidarsi a marchi e negozi conosciuti, leggendo con attenzione le recensioni degli utenti che hanno già usufruito del servizio.

Fare la spesa online conviene e sempre più italiani sembrano rendersene conto: d’altra parte si tratta di una modalità affidabile e sicura se si adottano determinate precauzioni.  

 

Commenti

commenti