Vincenzo Spera_presidente Assomusica

Vincenzo Spera_presidente Assomusica

Roma, SI al Concerto di Capodanno: “La capitale non poteva restare senza un evento così importante”.  Il Presidente di Assomusica ha espresso grande soddisfazione per la decisione di approvare il concerto di capodanno in piazza: “Grazie al Commissario Tronca, al Ministro Franceschini e all’Onorevole Ansaldi per l’impegno profuso”
“Roma non poteva non festeggiare l’arrivo del 2016 con il grande Concerto di Capodanno. Ringrazio, anche a nome di tutti gli associati di Assomusica del Lazio, il Commissario prefettizio Francesco Paolo Tronca, il Ministro dei beni e delle attività culturali Dario Franceschini e l’onorevole Michele Ansaldi per l’impegno profuso e la grande sensibilità dimostrata in questa particolare occasione”.
Il presidente di Assomusica, Vincenzo Spera, commenta così la notizia che conferma il concerto di fine anno, dopo l’annuncio di qualche giorno fa che non si sarebbe svolto. “Roma – prosegue Spera – è la capitale mondiale della cultura. La musica è uno degli elementi fondamentali di aggregazione e socializzazione che può influenzare positivamente la realtà economica e sociale del territorio: Assomusica lavora quotidianamente con tutti gli Enti internazionali affinché possa esserci maggiore consapevolezza di tutto questo da parte delle maggiori Istituzioni e dell’opinione pubblica. Ad esempio, sull’esperienza di molte città del Nord Europa, anche in Italia stiamo cercando di importare la figura del “Sindaco della notte”, con il ruolo di assicurare lo sviluppo delle attività notturne, e in particolare proprio quella della musica dal vivo”.
“Ci aspettiamo tantissima gente per il Concerto di Capodanno a Roma – chiude il numero uno di Assomusica – e invitiamo il pubblico ad agevolare il lavoro degli operatori perché l’evento sia un grande momento di festa per salutare il nuovo anno tutti insieme”. Così come è stato per il Capodanno 2015 che il Sindaco Marino ha presentato in Campidoglio insieme al cantautore romano più amato del momento, Mannarino. A breve dovrebbero essere resi pubblici i nomi degli artisti che accompagneranno le prime ore del nuovo anno.

Commenti

commenti