Home Cinema Anteprime Film Sky1: vi raccontiamo la nuova seria TV alla quale ha partecipato la...

Sky1: vi raccontiamo la nuova seria TV alla quale ha partecipato la nostra bellissima Francesca Casula, dal titolo “Hooten & The Lady”.

Inizierà nel Regno Unito, alla fine del 2016, la nuova Serie TV di Sky1 dal titolo Hooten & The Tony-Jordan-007Lady“. La serie TV di Sky1, prodotta dalla “Red Planet Pictures“, fondata da Tony Jordan
, sarà distribuita a livello mondiale, e quindi anche in Italia, dalla
Sky Vision. La Serie TV è stata commissionata da Anne Mensah, che è a capo della sezione produzione TV Dramma di Sky. Editore è Cameron Roach e produttore esecutivo Caroline Levy. Showrunner, ossia produttore esecutivo e sceneggiatore, è Tony Jordan a capo della “Red Planet Pictures”. Co-sceneggiatori James Payne, Sarah Phelps, Jeff Povey e Richard Zajdlic. Il Regista è Colin Teague.

 

Colin Teague

La serie si compone di otto puntate di sessanta minuti ciascuna ed è un dramma interpretato da Michael Landes che abbiamo già visto in “CSI” e in “Le avventure di Superman“, interpreta l’avventuriero Hooten che collaborerà con Alexandra Lindo-Parker (Ophelia Lovibond) del British Museum. Il suo ruolo all’interno della serie è quello di seguire una coppia di esploratori alla ricerca di tesori perduti e di leggendarie reliquie in giro per il mondo. Il racconto li porterà dal British Museum, in un lungo ed avventuroso viaggio alla ricerca di incredibili tesori del passato, tra cui la “Città perduta di Z“, i “Rotol di pergamena” scritti dalle mani di Buddha, e la “Tomba perdura di Alessandro il Grande”. Altra protagonista importante della serie TV Sky1, come già accennato, sarà Ophelia Lovibond che abbiamo già visto sul grande schermo in “I Guardiani della Galassia” e in un’altra serie TV del 2014 dal titolo “W1A” in cui Ian Fletcher, ex capo della Liberazione Commissione Olimpica, assume la carica di Responsabile dei Valori alla BBC.

Michael Landes 01

 

La Serie ha già iniziato le riprese a Roma nel mese di ottobre di quest’anno, 2015, è ha visto recitare, in un piccolo ma significativo ruolo, la nostra bellissima Francesca Casula, che vedremo nella prima puntata della Serie girata a Città del Vaticano e a Roma. Francesca Casula che è stata intervistata recentemente dal nostro magazine “ilprofumodelladolcevita.com”.

Le prossime puntate della serie verranno girate a Città del Capo, in Sud-Africa, e in diversi altri paesi esotici e bellissimi di tutto il mondo.

 

IOphelia-Lovibond--Jameson-Empire-Awards-2015--11-662x995l produttore Jordan ha dichiarato che la Serie TV è stata sceneggiata per un pubblico esigente e appassionato di Serie TV drammatiche e avventurose. I due protgonisti della storia sono due attori importantissimi conosciuti a livello internazionale come Michael Landes e Ophelia Lovibond, che dovrebbero garantire – dice sempre Jordan – un’alta qualità di produzione e un numero di spettatori televisivi di rilievo.

Sono un appassionato di cinema, e come tale, quando guardo un film, mi lascio trascinare dalla narrazione e dalla successione delle scene. Guardo il film con ingenuità percettiva, non condizionata e non inquinata da sovrastrutture e preconcetti culturali, che non siano ovviamente quelle della mia personale esperienza di vita con i suoi vissuti e le emozioni (gioie e dolori) che hanno caratterizzato la mia storia e delle quali certamente non posso spogliarmi. Quello che a me interessa, quando guardo un film, sono solo le emozioni che ho provato. Quello che poi cerco di raccontare è il messaggio che mi è arrivato, le emozioni che ho vissuto e “subìto”, il pathos che mi è stato trasmesso durante la visione del film. Il cinema è l’espressione artistica contemporanea più completa e straordinaria che l’uomo potesse inventarsi. E se un film è in grado di suscitare emozioni, allora quel film non ha età. Come non ha età un brano musicale, come non ha età un dipinto importante, come non ha età una scultura straordinaria. Chi potrebbe, infatti, mai dire ascoltando un brano dei Beatles che quella è musica superata? Chi potrebbe mai dire guardando un quadro di Van Gogh che quello è un dipinto antiquato? Chi potrebbe mai dire guardando “La pietà” di Michelangelo che quella è una scultura anacronistica? Il cinema, così come qualsiasi vera arte, deve essere svestito dell’elemento tempo e della componente commerciale usa-e-getta che gli hanno appiccicato addosso i grandi produttori, le potenti lobby dei distributori internazionali, e talvolta anche alcuni registi che puntano più al business che alla qualità del prodotto. Il concetto commerciale di “consumismo” non appartiene e non può avere nulla a che fare con l’opera d’arte, e quindi neanche con il buon cinema. I film che io commento non tengono conto dell’anno di produzione e non tengono conto del tempo che è passato dalla sua prima proiezione. Il mio “sguardo” non è certamente quello dell’esperto critico cinematografico professionista che, essendo un grande conoscitore di film, registi, attori, tecniche di montaggio, fotografia, costumi, etc… etc…, ed avendo visto migliaia e migliaia di film, ha inesorabilmente perduto la spontaneità e l'innocenza osservativa ed emozionale dello spettatore comune che va al cinema, o vede un film a casa, con il solo intimo obiettivo di provare delle emozioni e distrarsi dalla sua quotidianità e dalle sue preoccupazioni. Il critico, con le sue complesse ed erudite sovrastrutture cinematografiche, ha perduto la componente più spontanea che un uomo, un osservatore/spettatore, deve possedere: l'innocenza dello sguardo e la libertà di lasciarsi trascinare dalle emozioni che si sprigionano da un’opera d’arte e ti colpiscono dritto al cuore ed alle membra. L’arte è qualcosa che sta tra l’oggetto e la persona. Non si trova né nell’oggetto, né nella persona: ma si materializza emozionalmente nel loro reciproco incontro. Da questo punto di vista, i critici cinematografici sono imprigionati in griglie di lettura che li costringono ad una amorfa parcellizzazione e settorializzazione dell'opera d'arte cinematografica e, pertanto, non sono più in grado di vedere la componente emozionale olistica e al contempo gestaltica del film. Quello che io penso è che non dobbiamo “fidarci” dei critici cinematografici professionisti, ma dobbiamo imparare a fidarci di noi stessi, di quello che sentiamo quando vediamo un film. Ognuno di noi, che ama il cinema, dispone degli strumenti necessari per capire se un film è bello oppure no, se è un’opera d’arte oppure no. E lo strumento di cui disponiamo è la nostra mente e il nostro cuore: il film ci ha regalato delle emozioni forti e vivide? Se la risposta è sì, allora è arte cinematografica. Se la risposta è no, allora non è arte. E’ un’altra cosa. Andrea Giostra