Claudia Conte è una giovane scrittrice cassinate attiva in campo letterario già dal 2014 quando pubblicò la prima versione del bel romanzo la cui seconda edizione ha presentato all’interno del Museo della Banca Generali nell’omonimo palazzo in Piazza Venezia, a cura di Andrea Pietrangeli, Private Banker di Banca Generali.

La ristampa differisce dalla prima edizione in particolar modo per la elegante copertina, opera di Pietra Barrasso il cui genere pittorico é spesso associato a quello di Warhol, Scatizzi, Sassu, Schifano, Kostabi, Lodola, Borghi, Kanewsky, copertina che rende ancor più prestigioso il volume della Conte, l’autrice più giovane ad aver presentato un’opera al Salone Internazionale del libro di Torino.

E’ un volume quasi irreale pur nella descrizione di realtà legate alla nostra civiltà in tema di relazioni umane tra uomini e donne che tendono verso il sentimento puro, verso un amore di genere universale nato tra due persone, lei Valentina e lui Marco, entrambi sposati, che intraprendono una relazione amorosa al di fuori di ogni regola in forma estremamente sofisticata: attraverso uno scambio delicato ma intenso di lettere che inducono i due protagonisti a sognare di realizzare quei sogni che dalla attuale vita coniugale che entrambi conducono non vengono appagati.

Marco e Valentina vivono così, sognando uno straordinario ed intenso amore che ha alla base soltanto piccole cose fatte di gesti di ogni giorno che toccano il cuore ed i sentimenti quasi a voler definire e materializzare il sostantivo “ amore “ come nessuno mai sembra essere riuscito a fare al mondo.

Ci riesce invece Claudia Conte inserendo il racconto in forma tale che trascende e fa vibrare il cuore all’interno del lettore per superare quel tempo che i due affannosamente si trovano a vivere.

Sentimenti irradiati dalla Conte che hanno appassionato il folto pubblico presente alla bella presentazione il cui moderatore, Leonardo Metalli, ha fatto da padrone di casa introducendo il volume e dando la parola a due attori della portata di Danilo Brugia ed Emy Bergamo in grado entrambi di delicatamente introdotto il pubblico alla lettura del romanzo guidandolo in questa storia di amore “ proibito “tratta della storia che l’autrice non ha, per sua ammissione, inventato ma che le è stata riportata da un amico.

Oltre che di amore inteso come sentimento di viva affezione verso una persona che si concretizza come desiderio di procurare il suo bene e di ricercarne la compagnia, la serata ha avuto come protagonista anche un altro tipo di amore, la generosità verso il prossimo, che Claudia, sposando la causa di una Onlus che ha per scopo quello di ospitare i genitori di bambini degenti in ospedali della Capitale, ha esposto per voce del Presidente della Onlus Gian Paolo Montini e con il dono, concreto, del ricavato della vendita del libro effettuata al termine della presentazione.

Alla presentazione del volume hanno preso parte giornalisti e personaggi del mondo dello spettacolo che hanno in tal modo solennizzato una serata, un book Christmas Party; notati Francesca Rettondini, Pino Calabrese,  Angelo Maggi, Gianni Franco, Pietro Romano, Mario Longobardi, Maurizio Bianucci,  Saverio Vallone, Fabio Massenzi, Salvo Saverio D’Angelo, Daniel Bondì, Ivan Boragine, i registi Francesco Malavenda, Rosario Errico e Mario Spinocchio, lo scrittore Lorenzo Patruno, il ballerino Klaidj Salimi, il produttore Nicola Vizzini, l’autore televisivo Luigi Milliucci e Antonio Razzi.

L’elegante e raffinato abito indossato per l’occasione da Claudia Conte era della stilista Diana Deppa, mentre i gioielli sono opera di Boccadamo.

 

Foto a cura di Michele Simolo

Commenti

commenti