Home News Storie vere raccontate da donne vittime di violenza al Parco della Musica...

Storie vere raccontate da donne vittime di violenza al Parco della Musica per il “ Women for Women against violence – Camomilla Award “

Una serata esaltante quella della ripresa televisiva che l’ottima ed appassionata Donatella Gimigliano, Presidente dell’ Associazione Consorzio Umanitas, ha organizzato alla Sala Petrassi del Parco della Musica per evidenziare una lotta che tutto il mondo ormai comincia ad affrontare con ancora non sufficienti risultati: la lotta contro la violenza alle donne, vista sotto tutti gli aspetti da quello materiale a quello sociale, a quello, forse  il peggiore, morale che abbatte e distrugge “ dentro “.

Introdotta da una romantica esibizione al violino luminoso del Maestro Andrea Casta affiancato dai dancers Miriam della Guardia e Francesco de Simone la registrazione televisiva dell’evento “ Women for Women – against violence “ ha visto scorrere una serie di descrizioni, di racconti di storie vere e vissute narrate da alcune di coloro  che le hanno vissute e che hanno trasmesso alla sala le loro emozioni con il racconto delle durissime prove affrontate e – fortunatamente – anche delle rinascite che in diversi casi, miracolosamente e grazie a tante validissime associazioni nel tempo createsi, si sono verificate.

Uno spettacolo esaltante dicevamo perché la cose vere raccontate dal vero inducono interesse, voglia di partecipazione e tanta, tanta sensibilizzazione: uno spettacolo attraverso il quale è stata resa possibile la percezione dei fatti anche a chi non è ancora sensibilizzato al problema della violenza contro quelle donne che restano ferite o a causa di un tumore od anche per azione di un uomo violentatore, storie che le segnano ma che possono anche evocare coraggio e desiderio di vita, prima ancora che di lotta.

Alla sala Petrassi al Parco della Musica di Roma l’evento “ Women for Women- against violence -Camomilla Award “, quest’anno alla sua sesta edizione, ha raccontato, attraverso le voci delle brave Irene Ferri, Loredana Cannata e Chiara Francini, presenti le protagoniste delle storie Maria Antonietta Rositani, Nicoletta Cosentino, Cinzia Filipponi il loro “ vissuto “ evidenziando storie tristi ma colme di speranza:  “Bruciata dal mio ex e tradita dallo Stato” è quanto ha riguardato la Rositani che è stata premiata da Carmen Pisano owner di Acaia Medical con l’omaggio di un voucher per la cura delle cicatrici oltre che con la scultura del Maestro orafo Michele Affidato  rappresentante il fiore della camomilla, la pianta che cura tanti mali e simboleggia in astratto la rinascita.

“ Da vittima di violenza a Cuoca Combattente”, l’impatto con la violenza psicologica e la forza di ricostruire la propria vita grazie alla passione per la cucina: è il racconto che Nicoletta Cosentino ha affidato all’attrice Loredana Cannata; l’attrice Chiara Francini ha poi raccontato l’odissea di Cinzia Filipponi: “ dal tunnel del tumore alla mia rinascita”: è stata la testimonianza, non tanto della malattia quanto della ritrovata gioia di vivere.

Altro caso rievocato nel corso della registrazione è stato quello di Sara Di Pietrantonio, la ventiduenne uccisa del fidanzato, che Maurizia Quattrone, Vice Questore aggiunto della Polizia di Stato, ha descritto spiegando cosa rappresenti per un tutore delle forze dell’ordine l’impatto con la violenza.

Per esporre poi un  diverso punto di vista, quello di un uomo, l’attore Simone Sabani ha interpretato il “ vissuto  di Alessandro che ha “ …sconfitto il tarlo e ritrovato l’amore “.

Altri “ Camomilla Award “ sono stati consegnati ad Eleonora Daniele per la trasmissione Storie Vere (Rai Uno), Massimo Maurotto, Commissario e coordinatore delle Fiamme Oro Rugby della Polizia di Stato, Gianluigi Nuzzi per la trasmissione Quarto Grado (Retequattro), Giorgio Pasotti. Premio dedicato del Settimanale Oggi, a Malika Ayane ed uno speciale alla Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, che lo ha ricevuto a Palazzo Madama dalle mani della patron della manifestazione Donatella Gimigliano e dal  Maestro Orafo crotonese Michele Affidato autore della scultura simbolo dell’award.

Personalità del calibro del magistrato Simonetta Matone, Elisabetta Mancini, capo ufficio staff del vice direttore Generale della Polizia di Stato, Francesco Schittulli, Presidente della LILT (Lega Italiana Lotta contro i Tumori), e giornalisti quali Angelo Polimeno Bottai, vicedirettore Tg1, Paolo Petrecca, vicedirettore Rai News, Maria De Souza, Direttore All Women Magazine, Adriana Pannitteri, Maria Rita Grieco hanno proceduto alla consegna dei riconoscimenti.

Special guests della serata: Roby Facchinetti, Giovanni Caccamo, Andrea Casta, Gianluca Guidi. Lo spettacolo ha visto anche la partecipazione di Francesca Ceci, Antonella Salvucci, Carlotta Lo Greco, Elena Russo, Claudia Tosoni.

Presenti alla ripresa televisiva anche il Generale della GDF  Fabio Migliorati, Maria Rosaria Omaggio, Cristina e Maria Teresa Buccino, Elena Aceto di Capriglia, Irene Bozzi, il manager Andrea Petrangeli.