Dal 21 a 26 gennaio prossimi, alla Casa del Cinema di Roma, Dario Argento, Alberto Crespi, Daniela Currò, Damiano e Fabio D’Innocenzo, Giancarlo De Cataldo, Claudio Giovannesi, Wilma Labate, Alessandro Portelli ed Enrico Vanzina saranno tra gli ospiti e presentatori d’eccezione dei film che la Cineteca nazionale e la stessa Casa del Cinema inseriranno nella rassegna “ Strade a doppia corsia “, una retrospettiva che vuole rappresentare un viaggio nella New Hollywood, tra grandi classici e titoli più rari ma tutti da riscoprire.
A introdurre i film registi italiani, studiosi e critici: la a retrospettiva sulla New Hollywood, organizzata dalla Cineteca Nazionale e dalla Casa del Cinema con il sostegno dell’Ambasciata Usa in Italia vuole essere una testimonianza di quanto quella stagione americana sia stata e soprattutto rimanga un punto di riferimento.
Accanto a nomi storici, come appunto Dario Argento o Enrico Vanzina, ci saranno anche registi che rappresentano una nuova leva di cineasti, ma per i quali i nomi di Monte Hellman o Terrence Malick sono e restano centrali. La persistenza di quelle opere e di quell’immaginario si riflette nei lavori dei Fratelli D’Innocenzo, che si sono guadagnati meritata attenzione con il loro esordio “La terra dell’abbastanza” (e di cui a breve vedremo il secondo film), e di Claudio Giovannesi che con “La paranza dei bambini” si è ulteriormente confermato un autore di notevole rilievo.
Ma se è vero che Dario Argento, Wilma Labate, Enrico Vanzina non hanno davvero bisogno di presentazioni ed è fuori di dubbio che siano autentici estimatori e conoscitori del cinema americano di quel periodo, è anche vero che Alessandro Portelli é uno dei maggiori esperti italiani della cultura statunitense.
La Conservatrice della Cineteca Nazionale, Daniela Currò, ha lavorato molti anni negli Stati Uniti venendo direttamente a contatto con quel Paese e la sua cinematografia mentre il critico Alberto Crespi è da decenni una delle penne più autorevoli sulla New Hollywood e le atmosfere noir della letteratura di De Cataldo riverberano le tonalità di alcuni maestri del cinema di quegli anni. Continuità, contaminazioni tra Italia e Usa, passione per il mondo sopnmo le caratteristichedella retrospettiva: “Strade a doppia corsia” ha voluto invitare queste personalità per evidenziare un legame che prosegue nel tempo tra l’Italia e quella narrazione americana, frutto di una stagione particolarmente fertile e innovativa: il titolo stesso della retrospettiva, oltre a omaggiare il capolavoro di Hellman Strada a doppia corsia, intende suggerire quanto il cinema del Vecchio Continente e quello americano siano stati interconnessi.
I tre itinerari di Strade a doppia corsia – l’omaggio a Monte Hellman, il viaggio tra i Gangster&Co. a partire da Gangster Story (1967) di Arthur Penn e il percorso attraverso la rappresentazione della donna, Women in US – saranno ccompagnati anche dall’esperienza, dall’ispirazione e dalle conoscenze dei nove ospiti italiani che introdurranno al pubblico della Casa del Cinema alcuni dei titoli selezionati.

PROGRAMMA
Martedì 21 gennaio 16.30 – INAUGURAZIONE con i saluti di Rodney Ford, Addetto Culturale dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia, dei rappresentanti della Cineteca Nazionale e della Casa del Cinema A seguire Dario Argento e Giancarlo De Cataldo presentano La sparatoria – The Shooting di Monte Hellman (1966; 82′); 35mm; v.o.sott.it (Omaggio a Monte Hellman) 19.30 – Non torno a casa stasera – The Rain People di Francis Ford Coppola (1969; 101′); v.o.sott.it (Women in US) 21.30 – Alessandro Portelli presenta Gangster Story – Bonnie and Clyde di Arthur Penn (1967; 111′); v.o.sott.it (Gangster&Co.) Mercoledì 22 gennaio 16.30 – Wilma Labate presenta Una squillo per l’ispettore Klute – Klute di Alan J. Pakula (1971; 114′); v.o.sott.it (Women in US) 19.30 – Claudio Giovannesi presenta La rabbia giovane – Badlands di Terrence Malick (1973; 95′); 35mm (Gangster&Co.) 22.00 – Le colline blu – Ride in the Whirlwind di Monte Hellman (1966; 82′); 35mm (Omaggio a Monte Hellman) Giovedì 23 gennaio 16.30 – Mannequin-Frammenti di una donna – Puzzle of a Downfall Child di Jerry Schatzberg (1970; 104′); v.o.sott.it (Women in US) 19.30 – Damiano e Fabio D’Innocenzo presentano Strada a doppia corsia – Two-Lane Blacktop di Monte Hellman (1971; 102′); v.o.sott.it (Omaggio a Monte Hellman) 22.00 – Il clan dei Barker – Bloody Mama di Roger Corman (1970; 90′); 35mm (Gangster&Co.) Venerdì 24 gennaio 15.00 – Cockfighter di Monte Hellman (1974; 83′); v.o.sott.it (Omaggio a Monte Hellman) 17.00 – Enrico Vanzina presenta Dillinger di John Milius (1973; 103′); 35mm (Gangster&Co.) 19.30 – Daniela Currò presenta Wanda di Barbara Loden (1970; 103′); 35mm; v.o.sott.it (Women in US) 22.00 – La prima volta di Jennifer – Rachel, Rachel di Paul Newman (1968; 110′); v.o.sott.it (Women in US) Sabato 25 gennaio 19.30 – I killers della luna di miele – The Honeymoon Killers di Leonard Kastle (1969; 110′); v.o.sott.it (Gangster&Co.) 22.00 – Io sono il più grande – The Greatest di Monte Hellman e Tom Gries (1977; 101′); v.o.sott.it (Omaggio a Monte Hellman) Domenica 26 gennaio 16.30 – Gang – Thieves Like Us di Robert Altman (1974; 123′); v.o.sott.it (Gangster&Co.) 19.30 – Alberto Crespi presenta Amore, piombo e furore di Monte Hellman (1978; 92′); 35mm (Omaggio a Monte Hellman) 22.00 – Foxy Brown di Jack Hill (1974; 94′); v.o.sott.it (Women in US)

Casa del Cinema, Largo Marcello Mastroianni, 1 – 00197 Roma Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili Le schede di tutti i film su: https://stradeadoppiacorsia.com Info: http://www.casadelcinema.it

Commenti

commenti