Striscia la notizia: nuovo appuntamento con “Ambiente Ciovani”, il contenitore che vede protagonisti giovanissimi consulenti. Questa sera il tredicenne Leonardo Tiralongo, studente delle scuole medie e sindaco dei Ragazzi della città di Siracusa, spiega come combattere l’intossicazione da metalli pesanti. Una delle cause di alta incidenza tumorale e di casi di malformazioni congenite, argomenti che toccano da vicino il giovane Leonardo.

Nel servizio precedente il consulente di Striscia aveva raccontato come nell’area industriale di Siracusa, il cosiddetto “Quadrilatero della morte”, l’inquinamento ambientale fosse tra i più alti d’Italia. In collaborazione con medici specializzati e con l’ausilio dei ricercatori del polo dell’Università di Bari, Leonardo ha fatto analizzare una quarantina di campioni di capelli degli abitanti della zona, per verificare l’eventuale presenza di metalli pesanti: «Purtroppo ci sono eccome – spiega Andrea Del Buono della Fondazione Onlus DD Clinic –: nel 38% dei campioni abbiamo trovato tracce di mercurio, nel 42% tracce di piombo e nel 70% tracce di alluminio, tre grossi big-killer. In alcuni pazienti l’alluminio era 7 volte superiore ai livelli fisiologici e il piombo tra le 8 e le 12 volte». Una situazione pericolosa se si considera che molte persone presentano valori anomali su più di un metallo, ma che può essere combattuta: «Esistono le terapie chelanti – continua il dottor Andrea Del Buono –, grazie alle quali, attraverso l’utilizzo di sostanze vegetali e farmaci, abbiamo la possibilità di bloccare questi metalli e buttarli fuori dal nostro corpo».

Commenti

commenti