MAX LAUDADIO  DA FIORELLA MANNOIA E LA INFORMA DELLE RIVELAZIONI FATTE DA VALERIA ARZENTON A STRISCIA

Questa sera a Striscia la notizia , Max Laudadio torna a parlare dell’organizzazione dei concerti live in Italia e del ruolo di Ferdinando Salzano: l’inviato si reca da Fiorella Mannoia e la informa delle rivelazioni fatte da Valeria Arzenton a Striscia

L’inviato mostra uno scambio di mail tra Salzano e Valeria Arzenton, promoter musicale, per l’organizzazione di un concerto della Mannoia a Brescia e Padova. Nelle mail di F&P, oltre alle date dei live, si legge: «I C1 e gli incassi saranno rispettivamente intestati e di competenze di Friends & Partners». Inoltre: «È vietato che qualsiasi Circuito di prevendita diverso da TICKETONE possa commercializzare tramite qualsiasi canale i biglietti di ingresso». Laudadio evidenzia: «I proprietari avevano poco da decidere, perché come si legge nella mail ‘l’annuncio verrà effettuato il 18 dicembre 2018’. Lo stesso giorno in cui la mail viene spedita». E infatti due ore dopo l’arrivo della comunicazione, TicketOne promuove già la vendita dei biglietti per la Mannoia.

Valeria Arzenton, il 20 dicembre, risponde a F&P sottolineando che «le date le avete annunciate e messe in vendita senza la ns preventiva conferma e autorizzazione a procedere».

Laudadio domanda a Fiorella Mannoia: «Se tu fossi l’arma del ricatto…». E la cantante: «Se avete qualcosa in mano andate da un magistrato. Noi cosa vi possiamo dire».

L’inviato prosegue: «Vai a parlare con Salzano di queste cose?». «Va bene, andrò», risponde Mannoia.

A questo punto, Laudadio mostra una nuova testimonianza di Arzenton, in cui lei dichiara: «Nell’ambito di queste pressioni e condizionamenti che ho ricevuto in questi 8 mesi, mi sono trovata di fronte a delle situazioni di offese personali molti pesanti. Siamo passati da ‘troia’, ‘puttana’ a ‘schiantati in macchina’, ‘muori’, ‘fallirai’». Ma precisa: «Sono sicura che la persona che ha detto queste cose in un accesso di ira. E mi ha anche chiesto scusa. Ma sono mesi insopportabili». Di fronte alle dichiarazioni dell’imprenditrice veneta la Mannoia allora dice: «Ha tutta la mia solidarietà». Laudadio infine invita la cantante a chiedere spiegazione e la cantante chiosa: «Chiederò».

Se le dichiarazioni raccolte da Striscia dovessero trovare conferma, di certo ci saranno delle inchieste. Ma gli artisti che si affidano ai mnager in che modo sono coinvolti? Se i concerti sold out non sono davvero tutti biglietti acquistati da spettatori, allora ci sarebbe davvero una remissione per gli organzzatori. Tante le domande che la questione sollevata da Striscia solleva.

Commenti

commenti