Home Cinema “Syriana” (2005) di Stephen Gaghan – Recensione di Andrea Giostra.

“Syriana” (2005) di Stephen Gaghan – Recensione di Andrea Giostra.

Syriana_02Syriana” (2005) è il secondo lungometraggio di Stephen Gaghan. È un eccellente thriller-politico ma insieme una bellissima e interessante spy-story, e per finire, una straordinaria e profetica narrazione delle realtà che muove il mondo intero e che già nel 2006 era chiara a tutti gli osservatori non inquinati da interessi economici, da potere politico e da interessi puramente personali di accumulo ingiustificato di ricchezza e di potere!

Stephen Gaghan con “Syriana”, si rivela un grandissimo regista e uno straordinario sceneggiatore, già noto per la regia di “Abandon-Misteriosi Omicidi” (2002), e autore e sceneggiatore di “Traffic” (2001) con la regia di Steven Soderbergh.

Il Film è estremamente interessante e, scrivevo, profetico, perché narra brillantemente i livelli socio-culturali che si intrecciano mortiferi, per scopi che mai sono quelli detti e resi noti all’opinione pubblica mondiale. La narrazione sviluppa con intelligenza e oggettività il perfido intreccio tra il terrorismo internazionale, la politica estera espansiva e del controllo dell’energia mondiale delle sette-sorelle, le industrie petrolifere più potenti al mondo.

Il Film nasce dal reale e veritiero racconto di Robert Baer, che per vent’anni lavorò come ufficiale della CIA. I fatti narrati sono fatti reali, descritti con coraggio e NON sono il frutto della brillante fantasia di un bravo scrittore! Baer, ufficiale della CIA, fu impegnato, fino alla forzata pensione, nella lotta contro il terrorismo internazionale. Andato in pensione “negoziata” all’età di 45 anni, ancora molto giovane, nel 2003 pubblica il suo primo libro, “La disfatta della CIA”, e successivamente, sempre nel 2003, “Dormire con il diavolo”, dai quali Romanzi è stata tratta la sceneggiatura del Film “Syriana” scritta dallo stesso Stephen Gaghan.

Il Film inizia con un attentato, a Teheran. La sovrapposizione di scene e di contesti differenti che si succedono a latitudini diverse, rende intrigante e coinvolgente il racconto, e lascia allo spettatore la sensazione di come tutto ciò che accade non sia affatto casuale!

Il Film va visto senza lasciarsi inquinare o confondere da pregiudizi o da preconcetti ideologici personali: il rischio è quello di perdere irreversibilmente la splendida, ed al contempo atroce, verità che Stephen Gaghan rappresenta allo spettatore: tutto il mondo oramai ruota – finché la Natura non si stancherà – attorno ad una condizione di perenne conflitto determinata da “interessi-economico-politici-di potere”! È questo il vero messaggio, forte, determinato, reale, vero, destinato solo a chi a sete di verità; e non certo a chi “ama” lasciarsi ingannare da ipocrite ragioni di interesse nazional-popolari, a favore dei cittadini e delle genti che popolano il nostro pianeta!

Il Film narra la storia di un “eroe solitario”, Robert Baer, che lotta con tutta la sua intelligenza e tutto il suo coraggio, contro il sistema. Ma è impossibile distruggere qualcosa di indistruttibile e straordinariamente radicato in tutti i gangli del potere mondiale.

Robert Baer, nella realtà, non riuscirà a sconfiggere nulla, ma resterà travolto dalla sue azioni: totalmente ed al contempo devastato psicologicamente e moralmente.

I terroristi-kamikaze al servizio dei Potenti, invece, riescono brillantemente nel distruggere il loro obiettivo di Guerra.

Il Cast è assolutamente stellare, hollywoodiano e di una bravura imbarazzante: George Clooney, Matt Damon, Jeffrey Wright, Chris Cooper, William Hurt, Mazhar Munir, Amanda Peet, Mark Strong, David Clennon, Peter Gerety, Richard Lintern , Christopher Plummer.

Syriana_03

Sono un appassionato di cinema, e come tale, quando guardo un film, mi lascio trascinare dalla narrazione e dalla successione delle scene. Guardo il film con ingenuità percettiva, non condizionata e non inquinata da sovrastrutture e preconcetti culturali, che non siano ovviamente quelle della mia personale esperienza di vita con i suoi vissuti e le emozioni (gioie e dolori) che hanno caratterizzato la mia storia e delle quali certamente non posso spogliarmi. Quello che a me interessa, quando guardo un film, sono solo le emozioni che ho provato. Quello che poi cerco di raccontare è il messaggio che mi è arrivato, le emozioni che ho vissuto e “subìto”, il pathos che mi è stato trasmesso durante la visione del film. Il cinema è l’espressione artistica contemporanea più completa e straordinaria che l’uomo potesse inventarsi. E se un film è in grado di suscitare emozioni, allora quel film non ha età. Come non ha età un brano musicale, come non ha età un dipinto importante, come non ha età una scultura straordinaria. Chi potrebbe, infatti, mai dire ascoltando un brano dei Beatles che quella è musica superata? Chi potrebbe mai dire guardando un quadro di Van Gogh che quello è un dipinto antiquato? Chi potrebbe mai dire guardando “La pietà” di Michelangelo che quella è una scultura anacronistica? Il cinema, così come qualsiasi vera arte, deve essere svestito dell’elemento tempo e della componente commerciale usa-e-getta che gli hanno appiccicato addosso i grandi produttori, le potenti lobby dei distributori internazionali, e talvolta anche alcuni registi che puntano più al business che alla qualità del prodotto. Il concetto commerciale di “consumismo” non appartiene e non può avere nulla a che fare con l’opera d’arte, e quindi neanche con il buon cinema. I film che io commento non tengono conto dell’anno di produzione e non tengono conto del tempo che è passato dalla sua prima proiezione. Il mio “sguardo” non è certamente quello dell’esperto critico cinematografico professionista che, essendo un grande conoscitore di film, registi, attori, tecniche di montaggio, fotografia, costumi, etc… etc…, ed avendo visto migliaia e migliaia di film, ha inesorabilmente perduto la spontaneità e l'innocenza osservativa ed emozionale dello spettatore comune che va al cinema, o vede un film a casa, con il solo intimo obiettivo di provare delle emozioni e distrarsi dalla sua quotidianità e dalle sue preoccupazioni. Il critico, con le sue complesse ed erudite sovrastrutture cinematografiche, ha perduto la componente più spontanea che un uomo, un osservatore/spettatore, deve possedere: l'innocenza dello sguardo e la libertà di lasciarsi trascinare dalle emozioni che si sprigionano da un’opera d’arte e ti colpiscono dritto al cuore ed alle membra. L’arte è qualcosa che sta tra l’oggetto e la persona. Non si trova né nell’oggetto, né nella persona: ma si materializza emozionalmente nel loro reciproco incontro. Da questo punto di vista, i critici cinematografici sono imprigionati in griglie di lettura che li costringono ad una amorfa parcellizzazione e settorializzazione dell'opera d'arte cinematografica e, pertanto, non sono più in grado di vedere la componente emozionale olistica e al contempo gestaltica del film. Quello che io penso è che non dobbiamo “fidarci” dei critici cinematografici professionisti, ma dobbiamo imparare a fidarci di noi stessi, di quello che sentiamo quando vediamo un film. Ognuno di noi, che ama il cinema, dispone degli strumenti necessari per capire se un film è bello oppure no, se è un’opera d’arte oppure no. E lo strumento di cui disponiamo è la nostra mente e il nostro cuore: il film ci ha regalato delle emozioni forti e vivide? Se la risposta è sì, allora è arte cinematografica. Se la risposta è no, allora non è arte. E’ un’altra cosa. Andrea Giostra