QUESTA SERA A STRISCIA LA NOTIZIA TAPIRO D’ORO A MASSIMILIANO ALLEGRI 
PER IL DIVORZIO DALLA JUVENTUS,
L’ALLENATORE: «SCEGLIERANNO UN GRANDE ALLENATORE PERCHÉ LA JUVENTUS È UNA GRANDE SOCIETÀ»

Striscia la Notizia consegna il secondo Tapiro ai campioni del calcio. Dopo il Tapiro consegnato ieri, 16 maggio, a Daniele De Rossi per il mancato rinnovo del contratto con la Roma, ecco che Staffelli va a punzecchiare l’ormai ex Commissario Tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, anche lui per essere stato estromesso dalla squadra, la Juventus. Sembra che il finale di campionato sia un momento particolare per alcuni e si prevedono grandi stravolgimenti per il prossimo Campionato.

L’inviato di Striscia intercetta Allegri a … e domanda: «Sei mesi per fare la squadra e poi via così? Ma cosa è successo?». Allegri risponde: «Come sei mesi? Cinque anni per fare la Juve! È così, la vita va, viene, va…». Staffelli lo incalza: «Il signor Agnelli non voleva darle i soldi che magari le danno in qualche altro team? Tipo il Barcellona…». Allegri ride e dice: «No, no, no, assolutamente». Poi l’inviato insiste: «Dove andrà?» e l’ex allenatore della Juve risponde: «A casa. Adesso poi vado un po’ al mare». Staffelli poi gli chiede chi lo sostituirà e Allegri: «Questo non lo so, uno bisogna che vada in panchina, non so chi. Comunque sceglieranno un grande allenatore perché la Juventus è una grande società». Poi dichiara: «Sono stati cinque anni d’amore meravigliosi. Cinque anni per me sono tanti!». E ancora, il tapiroforo gli domanda: «Berlusconi l’ha chiamata al Monza?» e Allegri risponde ridendo: «Sì, veramente!». E salutando Staffelli, che meno di un mese fa gli ha consegnato un altro Tapiro, scherza: «Ho visto più te in due mesi che Ambra».

C’è grande riserbo sulle sorti di Allegri, intanto  tifosi romanisti si sono mobilitati in massa contro la decisione di allontanare De Rossi dalla Roma, considerato non solo un campion ma anche un riferimento per tutta la squadra. Come andrà a finire? Lo scopriremo pù avanti…

Commenti

commenti