Home Cinema Anteprime Film “Tàr review “: grandiosa Cate Blanchett nel ruolo di un direttore d’orchestra...

“Tàr review “: grandiosa Cate Blanchett nel ruolo di un direttore d’orchestra in crisi

Mahler, sinfonia n. 5, una grande indecisione del compositore austriaco nel determinarne la versione finale che si riflette, sia pure indirettamente,  nel corso di una esecuzione diretta da una donna, Lydya Tar, che nel film che porta il suo cognome è interpretata magistralmente da una superba Cate Blanchett.

Il film, scritto e diretto da Todd Field, racconta la storia di una donna – la prima donna a diventare direttore di una importante complesso orchestrale tedesco – che nel culmine della sua carriera deve dirigere la Sinfonia n. 5 di Gustav Mahler ma che proprio poco prima di esibirsi cade in crisi esistenziale nei confronti del mondo della musica che poco valuta le donne, particolarmente quelle che, come la Tar, riesce a dare vita ad uno scontro nemmeno tanto sotteso tra democrazia ed autocrazia riferiti al potere maschilista che domina la Munich Philarmonic di Monaco di Baviera.

Proprio come nella sinfonia che dovrà dirigere, Tar tornerà a riflettere più volte fino a non ritenersi soddisfatta delle sue scelte ( è una donna che vive con un’altra donna e con la quale hanno deciso di adottare una figlia e che, dopo tanto tempo della sua vita dedicato all’arte, trasforma i suoi sogni in incubi al momento in cui sale sul podio per dirigerla ).

Il film, già proiettato a Venezia lo scorso 31 agosto, è definibile come un elegante dramma ambientato in un clima ed in un ambiente per l’epoca scioccante, con una Cate Blanchett superbamente calata nel personaggio scioccante e melodrammatico del “ Maestro “ d’orchestra la vita della quale viene messa a nudo evidenziandola come nervosa e paranoica: in effetti è una “ grande “, una donna sensibile, che l’attrice australiana ma cittadina americana interpreta con la massima sensibilità e con una eccezionale professionalità.