Home Moda e Tendenze The Lost City: l’eterno fascino delle città perdute

The Lost City: l’eterno fascino delle città perdute

QUESTA È UN VERA AVVENTURA MA LORO NON SONO VERI EROI The Lost City - Featurette
Sandra Bullock and Channing Tatum star in Paramount Pictures' "THE LOST CITY."

The Lost City: l’eterno fascino delle città perdute

Quello delle città perdute e sommerse è uno degli argomenti che ha maggiormente influenzato l’arte e lo spettacolo del mondo occidentale. Si sprecano i film e le serie televisive ambientate in città nascoste sott’acqua o all’interno di una foresta e “The Lost City” è solo l’ultimo dei film a tema. La pellicola vanta un cast di tutto rispetto e promette risate e colpi di scena.

The Lost City: le città perdute continuano a influenzare il mondo dell’intrattenimento

The Lost City“The Lost City” è un film dei fratelli Adam e Aaron Nee ed è una commedia d’azione che presenta all’interno del proprio cast attori del calibro di Channing Tatum, Brad Pitt, Sandra Bullock e Daniel Radcliffe. Già dal trailer si evince come la pellicola ammicchi neanche tanto velatamente ai classici film d’avventura anni Ottanta e Novanta, ma rispetto a film come “Alla ricerca dell’isola di Nim” è molto più marcata la vena comica. Nel film l’autrice Loretta Sage, interpretata magistralmente da Sandra Bullock, è una scrittrice amante dei viaggi e gira il mondo con il suo compagno Alan, interpretato da Channing Tatum. Loretta, però, durante uno dei suoi viaggi viene rapita da un ricco ed eccentrico uomo che spera che la donna possa condurlo nella città perduta, dove è ambientato l’ultimo libro dell’autrice. Da questo momento inizieranno le peripezie tragi-comiche dei protagonisti che lavoreranno duramente alla ricerca del tesoro prima che lo stesso venga perso per sempre. Come detto, The Lost City è solo l’ultimo film ambientato in una città perduta e sommersa e da sempre la cinematografia è particolarmente attratta da queste ambientazioni fantastiche che permettono agli spettatori di viaggiare nel mondo dell’immaginazione: uno dei casi più famosi è sicuramente quello di Indiana Jones. Altri settori dell’intrattenimento particolarmente attratti dal tema delle città perdute e sommerse sono in parte quelli dei casino online come Betway e ovviamente quelli del mondo dei videogames online in cui i giocatori devono viaggiare in ambienti e mappe molto grandi per scroprire segreti e risolvere enigmi e misteri, che permettono ai giocatori di divertirsi e intrattenersi con giochi ambientati da Atlantide fino alle ambientazioni apocalittiche.

 

Dal mito di Atlantide all’italianissima Baia: le città sommerse

Ma quali sono le città sommerse e perdute più famose al mondo? E perché queste città esercitano un’attrazione irresistibile su tutti noi? La risposta al secondo quesito è rinvenibile nel fatto che, probabilmente, le città perdute e sommerse incarnano alla perfezione il concetto di mistero che, sempre più spesso, si lega all’antichità e alla storia. La curiosità di conoscere gli eventi del passato, il modo in cui vivevano i nostri antenati e i metodi in cui costruivano le loro città, muove da sempre gli essere umani a cercare risposte relativamente alle proprie origini. È per questo che città come Atlantide incarnano alla perfezione tutto ciò di cui abbiamo appena parlato. Sono secoli che studiosi e appassionati sono alla disperata ricerca di questa città sommersa, la cui storia si fonde con il mito e la cui ubicazione precisa non è stata ancora scoperta. Per la verità, non si sa neanche se sia mai esistita una città come Atlantide ma, a dirla tutta, poco importa nei fatti. Un’altra città sommersa, in questo caso reale, e che ogni anno attira migliaia di visitatori provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo è Baia, in provincia di Napoli, la cui area è celebre per i ritrovamenti che vengono poi esposti nei suoi musei archeologici. Baia, come ci racconta anche La Repubblica, era una città termale che affacciava sul mare, edificata dai romani nel II sec. a.C., ma oggi completamente sommersa dalle acque del mare. L’area napoletana, flegrea e Vesuviana è un’area vulcanica soggetta al fenomeno dei bradisismi: il livello del suolo è in continuo e costante movimento. Sfortunatamente per questa città, i terreni dove sorgeva Baia nel corso dei millenni sono scesi di diverse decine di metri sino a giungere sotto il livello del mare. Altra città sommersa molto famosa e realmente esistita è Pavlopetri, in Grecia, la cui fondazione risalirebbe addirittura al II millennio a.C.: collocazione storica che farebbe di Pavlopetri una delle città più antiche mai costruite sul territorio ellenico.

Le città sommerse continuano ad affascinare tutti noi e se siete degli appassionati di storia e di questo genere cinematografico “The Lost City” è il film che fa al caso vostro e che vi porterà alla scoperta di luoghi misteriosi.