The Specials; Oliver Nacache e Eric Toledano

Da quest’anno, la proiezione finale del Festival che assegna la Palma D’Oro tornerà al suo nome originale. Non più “Closing film”, ma “Last screaning”, in francese “Derniére Séance”, omonimo titolo di un film di Peter Bogdanovich e della canzone scritta e portata al successo da Eddie Mitchell.
Per questa 72° edizione, gli autori si affidano al nuovo lavoro di Oliver Nacasche e Eric Toledano. The Specials, sarà proiettato nel Grand Theatre Lumiére nella serata finale, Sabato 25 Maggio.
Dopo il successo dello scorso anno, con l’azzeccatissima scelta di un’invidiabile anteprima come L’uomo che uccise Don Chisciotte diretto da Terry Gilliam, gli organizzatori puntano di nuovo molto in alto, sperando di eguagliare i successi di tanti anni fa. A Cannes infatti, tutti ricordano con grande nostalgia gli irripetibili boom del 1982 e del 1991, quando due grandi nomi come Steven Spielberg e Ridley Scott portarono sui maxischermi della città francese, E.T. L’extraterrestre e Thelma e Louise. Due lungometraggi destinati a restare pietre miliari del cinema mondiale.
The Specials è una commedia sociale che vede impegnati alcuni ragazzi autistici sul set. Un’opera corale in cui tutti i protagonisti, assistenti sociali, psicologi, volontari ed altri professionisti della salute, sono messi sullo stesso piano insieme ai loro pazienti. Epicentro dell’opera, la fede nella vita di gruppo e l’umorismo.
Il presidente del Festival, Pierre Lescure ci parla di eroi solidali che difendono con orgoglio la loro sensibilità, andando fieri di aiutare gli altri in ogni circostanza. “Questo film è più che contemporaneo e porta grandi promesse per il futuro”, dichiara il delegato generale Thierry Frémaux. “The Specials, mostrerà la capacità di parlare di città, strade, centri commerciali, mostrando tutti i volti dei giovani, i loro impegni, la loro musica, i luoghi in cui vivono, la loro rabbia per la vita e la loro messa in discussione del mondo”.
Quindi The Specials, prodotto e distribuito da Gaumont, sarà presentato il 25 maggio al Grand Theatre Lumiére. Alla proiezione, seguirà la premiazione dei film che meritano un dovuto riconoscimento da parte di pubblico e di giuria, quest’anno presieduta da un regista d’eccezione come Alejandro Gonzalez Inarritu, noto per aver portato al successo un grande capolavoro come Birdman o l’imprevedibile virtù dell’ignoranza nel 2015.

Eugenio Bonardi

Commenti

commenti