“Siamo tutti Bohemian”, un po’ ribelli, è questo il messaggio del nuovo spettacolo “We Will Roc You”, in programma al teatro Brancaccio dal 27 febbraio al 3 marzo. La Qeen mania è esplosa più prepotente dopo il film “Bohemian Rapsody” e soprattutto dopo le 4 statuette che il film si è aggiudicato. Di certo questo giova al musicall che porta in scena ben 20 canzoni dei Qeen con un’orchestra che suona tutto rigorosamente dal vivo e in inglese.

 

Il successo di We Will Rock You, nasce molto tempo prima in realtà, la soddisfazione più grande, spiega il produttore Claudio Trotta, è che “dopo lo spettacolo ci sono arrivati tanti messaggi di ragazzini che ci hanno scritto “Messaggio ricevuto!”, cerchiamo di svegliare i rgazzi, di stimolare un po’ tutti a non omologarsi, a non cercare il successo a tutti i costi…”. 

We Will Rock You torna in scena per il toru che parte da Roma per raggiungere poi le principali città italiane, in una versione rinnovata, con un approfondimento dei personaggi  in cui ci sarano anche dei riferimenti ironici alla politica italiana, al fatto che viviamo come in un grande schermo.

L’allestimento, inftti, in questa nuova versione non prevede l’uso di schermi, proprio per sottolineare “che siamo imbamolati e assuefatti dagli schermi di Tv, celulari e computer, la muisca dei Qeen riesce a smuovere la parte roc che è innata in ognuno di no, lo scopriamo vedendo che ance bambini piccoli canticchiano le canzoni dei Qeen, che la musica riesce a coinvolgere il pubblico in maniera totale, Addirittura abbiamo avuto un invasione del palco!”, spiega Trotta.

We Will Rock You è uno show impegnativo, che ha richiesto una grande preparazione artistica di musica, ballo, canto, alcuni protagonisti sono stati confermati, altre new entry si affacciano sul palco ma tutti con un entusiasmo e una preparazione degna dei grandi musicall.

Commenti

commenti