Luca Abete al Parco Fantasma

Striscia: Luca Abete torna nel “Parco Fantasma” di Napoli. Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Luca Abete torna ad occuparsi del “Parco Fantasma”, così lo ha soprannominato l’inviato di Striscia,  un’area inizialmente destinata a ospitare un parco ma che invece, dopo lo sgombero di una baraccopoli, è stata dapprima trasformata in una discarica di materiali altamente infiammabili, che sono stati poi dati alle fiamme (servizio del 20 ottobre 2014) e, da più di un anno, in una zona frequentata abitualmente da tossicodipendenti e spacciatori. Dall’ultima visita di Striscia (servizio del 10 marzo 2017, che pubblichiamo in copertina), la situazione non sembra essere migliorata, anzi. L’amministrazione comunale ha infatti innalzato una palizzata, un alto muro di legno che consente a pusher e drogati di operare in totale tranquillità, senza

Luca Abete al Parco Fantasma

che nessuno li possa vedere. Nelle immagini in onda questa sera, Abete mostra quello che ogni giorno avviene al di là della palizzata: in mezzo ai rifiuti ammassati, è possibile trovare disperati al lavoro per costruire un riparo di fortuna e tantissimi tossicodipendenti intenti a drogarsi alla luce del sole, dietro una siepe, e sotto gli occhi delle telecamere di sorveglianza della Prefettura di Napoli, situata proprio davanti al “muro della privacy”. Non si può fare a meno di rammaricarsi per uno spazio che potrebbe essere un prolungamento del “lungomare ritrovato” di Napoli e che invece, a causa dei ritardi nei lavori, diventa motivo di degrado. Nel servizio del 10 marzo le immagini mostrano una baraccopoli in cui persone disperate cercano un minimo di riparo, questo è l’altro vero problema: dove accogliere i senzatetto, i veri “fantasmi” della società? Vedremo nel servizio in onda questa sera, lo stato attuale del cantiere.

Commenti

commenti